Maestà sofferente: dibattito a distanza. Paola Peruffo, interviene a favore dell’installazione

“Una polemica  del tutto pretestuosa”.

Immediata la reazione della Presidente della Commissione Pari Opportunita’ del Comune di Ferrara, Paola Peruffo che scrive”Mi meraviglia e mi trova in disaccordo il contenuto dell’appello lanciato da vari firmatari contrari all’installazione dell’opera di Gaetano Pesce negli spazi verdi antistanti Ferrara Fiere Congressi. Una polemica che trovo del tutto pretestuosa.

e continua
Ognuno è libero di giudicare il bello o il brutto, per carità, ma se tra le critiche di chi si dichiara oltraggiato da questa iniziativa c’è la somiglianza della “Maestà Sofferente” a una poltrona, occorre qualche considerazione a monte.

L’opera di Pesce richiama esattamente una delle maggiori opere di design italiano degli anni Sessanta, da lui stesso realizzata. Per i 50 anni della poltrona “UP”l’architetto-artista ha pensato a questa scultura per denunciare gli abusi e le violenze che subiscono le donne per le varie forme di malvagità insite nell’uomo. L’arte moderna, per sua stessa identità, verte su provocazioni e simboli astratti, mi sembra pertanto assurdo leggere tra le critiche che in questa raffigurazione manchi la testa.

L’opera ha fatto parlare di sé nel 2019, quando fu collocata in piazza Duomo a Milano, così come ora che è stata posata a Ferrara, anche questo aspetto direi che non stupisce. Solo pochi giorni fa è intervenuta addirittura la testata francese Le Figaro per celebrare l’artista italiano e la sua opera, contestualmente al messaggio trasmesso.
Da persona impegnata contro ogni abuso verso le donne, trovo importantissime le campagne di sensibilizzazione, all’interno di qualunque campo, anche quando non sono esattamente corrispondenti ai gusti personali.

Mi permetto, in ultimo, di aggiungere che la collocazione della Maestà Sofferente nei pressi di Ferrara Fiere Congressi, ha una sua valenza – al di là del messaggio – valorizzando un’area anonima e poco utilizzata, specie se questi spazi verdi verranno ulteriormente arricchiti da altre opere di arte moderna e contemporanea provenienti da varie parti d’Italia, come da intenzione espressa dai vertici della Fondazione Ferrara Arte.”

Paola Peruffo
Presidente Commissione Pari Opportunità -Comune di Ferrara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *