Mafia, Dalla Chiesa: “Ferrara non faccia la fine di Bologna e Modena” – INTERVISTA

Anche l’Emilia-Romagna non è più un’isola felice per quanto riguarda la presenza della mafia.

E l’inchiesta giudiziaria “Aemilia” ha fatto storia per quanto riguarda l’evoluzione delle organizzazioni criminali, anche in questa regione. Un fatto che oggi significa una maxi processo per mafia a Reggio Emilia, dove è stata realizzata un’aula bunker per l’avvio di un dibattimento dove siederanno sul banco degli imputati circa 300 persone accusate di far parte dell’ ‘ndrangheta ce opera anche nel nostro territorio.

 

 

Il ragionamento lo fa Rita Reali, esponente del Pd ferrarese. Rita Reali infatti è stato uno degli organizzatori dell’incontro con il presidente onorario di Libera, Nando Dalla Chiesa tenuto oggi a Ferrara per parlare di come la mafia continua a mettere maglie anche al Nord, anche in Emilia Romagna e sopratutto se questo fenomeno poi si può sconfiggere. Un incontro al quale ha preso parte anche il presidente della Commissione Bicamerale ‘Ecomafia’, Alessandro Bratti.

“C’è una distanza fra quanto la mafia fa e quanto lo Stato riesce a contrastarla” dichiara Dalla Chiesa nel corso dell’incontro tenuto all’hotel Carlton… Dalla Chiesa dunque a Ferrara lancia il monito sul ‘rischio mafia’ anche nella nostra città… Poi c’è la questione mafia e il fenomeno dell’immigrazione. Il professore di sociologia criminale – usando una parola dal tono sarcastico – ritiene che la mafia ha degli interessi nel fenomeno, ma solo – dice – per la parte più ‘nobile’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *