Maltempo, il Reno fa meno paura. Calderoni: “Finita emergenza preservare la sicurezza” – GALLERY

01 aggiornamento pioggia

Continua a piovere e l’emergenza è a livello di pre-allarme per il tratto argentano del Reno. L’assessore della Provincia alla protezione civile intanto afferma che finita l’emergenza occorrono nuove risorse per salvaguardare la sicurezza idraulica.  

Continua a piovere ma il Reno fa meno paura, nonostante il rischio idrogeologico previsto dalla protezione civile sia stato proclamato di colore rosso fino a venerdì.

Dalla fase massima di allarme tuttavia ora nella nostra provincia si è passati a quello di pre-allarme ed ora gli occhi puntati sono nell’argentano. Il colmo della piena del fiume che separa la provincia di Ferrara da quella bolognese infatti è lunga e lenta e durerà fino a domani mattina e il Reno, nell’ultimo tratto che lo conduce al mare, sarà monitorato a vista anche se il suo livello preoccupa meno dello scorso week-end.

Sotto controllo anche gli impianti idraulici che controllano il livello delle acqua in città. Le intense piogge delle ultime 48 ore infatti hanno portato da monte molta acqua che si è riversata nel Burana che grazie alle Pilastresi sta scaricando in Po per alleggerire la Botte Napoleonica e quindi impedire che si possano verificare delle tracimazioni in area golenale del Po di Volano nella zona di S. Egidio e Marrara. Migliora anche la situazione nel Delta. L’alta marea è calata e quindi il Volano riesce a scaricare più acqua, anche se a Marozzo alcune aree golenali sono finite sott’acqua, per effetto di alcune manovre idrauliche che hanno permesso di alleggerire il fiume. Proseguono invece le mareggiate che stanno continuando a creare dei problemi nei tratti di spiaggia dei lidi nord, in particolare a Volano, al bagno Jamaica e a Nazioni.

[nggallery id=40]

Le previsioni meteorologiche intanto prevedono fino a mercoledì sera una tregua per quanto riguarda le piogge ma poi ci dovrebbe essere una ripresa. L’assessore alla protezione civile della Provincia di Ferrara, Stefano Calderoni intanto lancia un monito alla Regione. “Finita l’emergenza è necessario mettere a disposizione le risorse necessarie per effettuare degli interventi per salvaguardare la sicurezza dell’intero sistema idraulico” sottolinea Calderoni.

Il maltempo di questi giorni e le piene infatti hanno sollecitato in modo notevole il nostro sistema. Nel corso dei monitoraggi infatti è stata rilevata qualche piccola frana soprattutto nell’asta del Volano e del Panaro. Si aggiunge un altro punto debole che è Bastia per quanto riguarda il Reno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *