Maltempo, la piena del Reno defluisce senza problemi

reno

Emergenza maltempo: la piena del Reno sta defluendo senza problemi verso l’Adriatico. La pioggia ha dato una tregua, ma comunque sono in corso verifiche e controlli per tenere monitorata la situazione. Perché da lunedì tornerà il maltempo.

Per il Reno, che ieri ha raggiunto nel Centese livelli ‘storici’, la sicurezza è garantita anche dal Cavo Napoleonico, che fa defluire le acque nel Po, il grande fiume è in grado di assorbire il notevole flusso d’acqua. Questa mattina il livello dell’acqua è sceso a meno di otto metri e per questo è stato riaperto il Ponte Vecchio, che era stato chiuso venerdì per questioni di sicurezza. A gestire le manovre di apertura del Cavo Napoleonico, che ha permesso il deflusso della piena del Reno, è stato il Servizio tecnico del bacino del Reno.

La piena del Reno è poi passata tra la mezzanotte e le ore due di sabato 1 febbraio nel territorio di Poggio Renatico, senza destare alcuna preoccupazione e senza renoprovocare danni, con la prevista fuoriuscita di una ventina di centimetri d’acqua all’altezza del ribassamento dell’argine a Gallo, contenuti peraltro dalla coronella di sacchi di sabbia posizionati precauzionalmente sopra lo scolmatore.

La piena si è poi spostata nell’argentano dove le campate dei ponti potevano costituire un ostacolo ma la forza del fiume ha permesso di spazzare via legni e detriti, come si vede dalle foto scattate al Ponte della Bastia e in località Traghetto, dall’assessore provinciale alla protezione civile, oggi a mezzogiorno. “L’emergenza è passata senza problematiche grazie al sistema di Protezione civile, ha spiegato l’assessore Calderoni: con l’apertura del Cavo Napoleonico, che ha defluito 300 metri cubi di acqua al secondo è stato scongiurato il pericolo sia a Gallo che a valle, verso l’argentano.

Anche le piene degli altri fiumi dell’Emilia-Romagna stanno defluendo: scorre il Secchia (la piena ha superato il punto dove c’era stata la breccia che provocò l’alluvione lo scorso 19 gennaio) e defluisce senza problemi anche il Panaro.

Fino a domenica sera è attesa una tregua nel maltempo che dovrebbe consentire di consolidare i lavori di messa in sicurezza avviati in questi ultimi giorni. “Tra domenica sera e martedì è previsto l’arrivo di una nuova perturbazione e per questo, ha spiego il numero uno della protezione civile regionale Maurizio Mainetti, dobbiamo farci trovare pronti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *