Maltempo: preallarme per piena Panaro a Bondeno

panaro

Dopo le piogge di questi giorni, la protezione civile dell’Emilia-Romagna ha attivato una fase di preallarme per le piene dei fiumi Secchia e Panaro.

I Comuni interessati sono Campogalliano, Soliera, Carpi, Cavezzo, San Propero, San Possidonio, Novi, Concordia, Castelfranco, Nonantola, Ravarino, Finale Emilia, Bastiglia, Bomporto, Modena e Camposanto nel Modenese, Bondeno e Crevalcore (Bologna).

Sono possibili allagamenti delle aree golenali, il raggiungimento di livelli idrometrici elevati, chiusura di ponti e criticità per gli argini e le opere idrauliche.

SINDACO FABBRI: “SITUAZIONE TRANQUILLA” – E’ tranquillo il sindaco di Bondeno, Alan Fabbri, quando gli chiediamo dalla fase di preallarme lanciata

Alan Fabbri
Alan Fabbri

dalla Protezione Civile e che, in provincia di Ferrara, riguarda il Comune matildeo.

“Per il momento – assicura – le condizioni del Panaro non preoccupano , il livello dell’acqua infatti, è ancora piuttosto basso e quindi evitiamo di diffondere allarmismi che sarebbero assolutamente inutili e dannosi, per la popolazione, in questa fase”.

“E’ chiaro – continua Fabbri – che siamo attenti alla situazione, anche se non si tratta di un monitoraggio continuo, visto che lo stato delle cose non lo richiede”.

Le piogge di questi giorni hanno indotto la Protezione Civile ad attivare una fase di preallarme per le piene dei fiumi Secchia e Panaro. I Comuni interessati sono Campogalliano, Soliera, Carpi, Cavezzo, San Prospero, San Possidonio, Novi, Concordia, Castelfranco, Nonantola, Ravarino, Finale Emilia, Bastiglia, Bomporto, Modena e Camposanto, nel modenese, Crevalcore in provincia di Bologna e appunto Bondeno.

La Protezione Civile mette in guardia sulla possibilità che si allaghino le aree golenali, il raggiungimento di livelli idrometrici elevati, la chiusura di ponti ed eventuali criticità per gli argini e le opere idrauliche. Al momento in ogni caso, la situazione in particolare del bondenese, è assolutamente sotto controllo e lontana dal benchè minimo rischio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *