Manovra di mezza estate in Comune con l’Assestamento di Bilancio

Un assestamento di bilancio che vede 16 milioni di investimenti fra opere pubbliche, manutenzione del verde, digitalizzazione di servizi e interventi a favore delle imprese. Lunedì 26 luglio il Consiglio Comunale di Ferrara, nell’ultima riunione prima della pausa estiva, ha approvato la delibera di Assestamento  generale del Bilancio comunale 2021-2023, presentata dall’Assessore al Bilancio, Matteo Fornasini.

Nonostante la pandemia, i conti del Comune di Ferrara sono in ordine e permetteranno una serie di investimenti per oltre 15 milioni di euro, destinati a potenziare le scelte già operate nel bilancio di previsione in materia di opere pubbliche e impegni presi dal Sindaco con i cittadini in campagna elettorale. La manovra di mezza estate sui conti pubblici, anticipata in 1° Commissione consiliare  il 20 luglio scorso ha permesso all’assessore Fornasini , che la ha presentata in Consiglio Comunale nella seduta on line del 26 luglio  di sottolineare la messa in sicurezza di un bilancio, “che, spiega, è in equilibrio grazie ad una amministrazione prudente, nonostante gli effetti negativi prodotti dalla pandemia sulle casse comunali in conseguenza delle minori entrate da musei, multe, riduzione dei canoni commerciali, mercatali, dei parcheggi e delle Farmacie comunali.

E’ un bilancio in sicurezza,  che con il  tesoretto di  oltre  sei milioni di euro derivante dagli  avanzi di gestione 2020 e da parte dei trasferimenti governativi – il Fondone – permetterà  all’Amministrazione di perfezionare nuovi mutui per circa otto milioni di euro, liberando risorse da impiegare in  numerosi interventi di manutenzione , sia di strade che di marciapiedi del centro e delle periferie, ma anche di curare il  patrimonio arboreo, di intervenire sulla sicurezza e sul decoro urbano, sulla  rigenerazione delle Frazioni, senza trascurare la  modernizzazione della macchina comunale, di Ferrara Fiere e il sostegno alla ripresa economica della città.

Fra gli investimenti anche quelli resi possibili dall’avanzo economico di oltre 1 milione di euro ottenuto da rimborso Imu per il sisma dell’anno 2021: risorse che saranno destinate all’ampliamento della nuova sede dell’Urp-Ufficio relazioni col pubblico in piazza Municipio (60mila euro), al rifacimento e impermeabilizzazione della torre scenica dell’ex Teatro Verdi (70mila euro), a un importante intervento sul Giardino di Palazzo Schifanoia (120 mila euro), alla manutenzione straordinaria e messa a norma degli edifici storici e monumentali 2021 (390 mila euro), alla climatizzazione e archivio di Palazzo Municipale (60 mila euro), alla programmazione di messa in sicurezza delle scuole con interventi manutentivi straordinari e messa a norma di nidi, materne, elementari, medie ed altri edifici comunali (200 mila euro), alla programmazione di manutenzione degli impianti sportivi con interventi di manutenzione straordinaria ed adeguamento alle normative (113 mila euro).

Nei 16 milioni ci sono  investimenti sulla digitalizzazione degli Uffici comunali( 240mila euro) e  del Quartiere fieristico (200.000), i bandi a sostegno delle imprese, le telecamere di sorveglianza antiassembramento (20.000), tre nuove piste ciclabili (700.000), fra cui quella che dovrebbe unire la città all’ospedale di Cona, il restauro di 1 km di Mura Estensi all’anno, come da programma del Sindaco, (ca. 1 milione di euro)  ma anche gli  incarichi per collaudi e interventi previsti nel Bando Periferie con aggiornamenti progettuali e ampliamento dell’autostazione, l’incremento per i Parchi sicuri, la realizzazione di infrastrutture per il parco Bassani , il cofinanziamento di un piano di ristrutturazione da parte di Acer di alloggi Erp  nell’area di viale Krasnodar, oltre a 200.000 euro per la manutenzione di altri alloggi Erp.

Da ultimo due finanziamenti(complessivi 2 milioni di euro) destinati il primo alla realizzazione di un Centro polifunzionale sportivo e convegnistico, il secondo alla riqualificazione della cosiddetta “casa dei polli”  acquisita di recente dal Comune e tutta da bonificare.

Una manovra imponente, che ha trovato nella consigliera di Azione civica, Roberta Fusari  una serie di critiche piuttosto dettagliate a partire dal metodo adottato dalla Giunta , che  “ha deciso l’accantonamento di fondi per interventi di cui non si conoscono o non si hanno ancora i progetti che facciano capire in dettaglio la destinazione sia  delle cifre più importanti, che di  quelle  più modeste, come i 10.000 euro messi a disposizione dell’Ufficio stampa del Sindaco per la comunicazione. ” “Di che cosa, aggiunge Fusari, non si sa”.

Secondo la Consigliera di Azione civica l’Amministrazione “è concentrata quasi esclusivamente  sugli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria (450 mila euro per la manutenzione e il decoro del centro e delle periferie, 250mila euro per le Frazioni, altri 200mila per il decoro e sicurezza urbana), che stanno costando davvero troppo alla città,ma  si è lasciata sfuggire opportunità importanti, come la candidatura per  28 milioni di euro su un bando governativo per la riqualificazione degli alloggi Erp,  su cui ha messo 200.000 euro, cioè molto meno, ma tutti a carico del bilancio cittadino.  Altri rilievi sono stati mossi alle variazioni fatte dalla Giunta Fabbri al piano Periferie, già finanziato, ma che avrà costi aggiuntivi di nuova progettazione.

Critico sul metodo anche il consigliere del M5Stelle Tommaso Mantovani, che aggiunge“Bene, l’attenzione per il patrimonio arboreo, ma forse gli sfalci dell’erba nelle periferie dovrebbero essere fatti in modo più articolato, per la necessità di raccogliere prima la mole di rifiuti di plastica che si nasconde nell’erba alta.”

Fornasini replica difendendo l’operato della Giunta, “Ha seguito, dice, un preciso orientamentro politico amministrativo del Consiglio Comunale”. ” I cittadini,  aggiunge l’assessore ai LL.PP., Andrea Maggi, chiedono continuamente interventi di manutenzione , che mancavano da anni e dai quali dipende in molti casi la stessa  qualità del vivere in città e nelle frazioni”.

 

Molto positivi i commenti di Marco Vincenzi di Ferrara Cambia “Avremo una città più pulita e in ordine”, di Federico Soffritti di Fratelli d’Italia che elogia la cura delverde pubblico, del capogruppo di Ferrara Cambia Francesco Carità e di Stefano Solaroli   della Lega Salvini premier.

Mentre per Francesco Colaiacovo, capogruppo PD,”La Giunta Fabbri non ha una vera programmazione, manca ancora il parcheggio all’ex Mof, e si fa propaganda con i  250mila euro del piano Frazioni non confrontabili  con i 3 miliardi di lire , 1,5 milioni di euro oggi)  finanziati per le circoscrizioni nel 1997 dalla giunta Soffritti .

La delibera è passata con i voti della maggioranza e il no compatto dell’opposizione.

D.B.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.