Matisse, la rivoluzione del colore. Un genio dell’arte del Novecento a Ferrara

matisse1

E’una mostra di grande appeal quella che Ferrara Arte inaugurerà il 22 febbraio prossimo, dedicata ad uno dei grandi maestri del ‘900: Henri Matisse, di cui la monografica di Palazzo dei Diamanti espone oltre 100 opere fra dipinti, disegni e sculture, provenienti da musei e collezioni prestigiose da tutto il mondo.

Matisse, la figura La forza della linea, l’emozione del colore, la mostra che inaugura a Ferrara, Palazzo dei Diamanti, il 22 febbraio prossimo per restare aperta fino al 15 giugno 2014 , è’ una mostra nata dalla collaborazione tra lo staff delle Gallerie d’Arte Moderna e Contemporanea di Ferrara, quello della Fondazione Ferrara Arte e Isabelle Monod-Fontaine, una delle più accreditate studiose di Matisse, già vicedirettore del Centre Pompidou, che ha curato la rassegna ferrarese con passione e competenza, e ha realizzato una esposizione che oltre a raccontare le caratteristiche e le fasi salienti della riduzione artistica di Matisse , offre ai visitatori l’opportunita di avvicinarsi al processo creativo dell’artista.

Oltre a ripercorrere, infatti, la lunga ricerca pittorica di Mmatisse, la mostra di Ferrara Arte mette in rilievo la centralità della figura femminile, l’uso rivoluzionario del colore, il viaggio attraverso i rapporti con le avanguardie del ‘900 e i tempi lunghi della realizzazione dei singoli dipinti.

 [flv image=”https://www.telestense.it/img-video/matisse1.jpeg”]rtmp://telestense.meway.tv:80/telestense_vod/17022014_matisse1.mp4[/flv]

La mostra ci svela, così, in qualche misura il mistero del genio del pittore mostrandoci –come ha messo in evidenza la curatrice – come Matisse arrivasse all’opera compiuta attraverso un percorso fatto di prove, cancellazioni, riprese.

Una ricerca incessante che continuò fino agli ultimi anni della vita del pittore, che quasi ottantenne e già molto malato realizzò i capolavori dotati di una straordinaria vitalità, che vediamo nell’ultima sala dell’esposizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *