‘Matteotti Medley’: documentario teatrale di Maurizio Donadoni il 20 ottobre alle 20,30 al Comunale

«Che si sappia così poco della storia di questo “inutile eroe”, grazie al cui sacrificio – con quello di tanti altri – oggi viviamo in libertà, è un peccato…». Maurizio Donadoni

La stagione di prosa del Teatro Comunale di Ferrara prosegue venerdì 28 ottobre (alle 20,30) con un atteso appuntamento di teatro civile, ‘Matteotti Medley’, che porta in scena la vita, gli scritti e le testimonianze di un grande protagonista della storia italiana.

A cent’anni esatti dalla Marcia su Roma, manifestazione armata volta al colpo di Stato e organizzata il 28 ottobre 1922 dal Partito Nazionale Fascista con l’obiettivo di favorire l’ascesa di Benito Mussolini alla guida del governo, l’attore bergamasco Maurizio Donadoni calca il palcoscenico dell’Abbado con lo spettacolo che racconta la vita del politico Giacomo Matteotti in un documentario teatrale con la regia di Paolo Bignamini.

«Ogni epoca ha avuto i suoi martiri, le sue vittime, gli inutili eroi che con il loro sacrificio hanno aperto gli occhi e la strada agli altri», aveva detto Giacomo Matteotti, poco più che ventenne, parlando a dei coetanei. Il 10 giugno 1924, vent’anni dopo, in un martedì di sole a Roma sul lungotevere Arnaldo da Brescia, veniva rapito e ucciso da un gruppo di “arditi” della Ceka fascista, organismo voluto da Mussolini per mettere a tacere gli oppositori. Fu lo snodo fondamentale nell’affermazione del regime totalitario in Italia.

Oggi strade e piazze ricordano il nome del politico che si oppose a Mussolini, ma quanti saprebbero dire chi era questo “inutile eroe”? Matteotti Medley ne ripercorre la storia – emblema di italici vizi e di italiche virtù – alternando il racconto dei fatti, nudi e talvolta crudi, alle citazioni delle musiche dell’epoca: dalle marcette squadriste agli stornelli contro il Negus, dalle musiche da ballo alle canzoni d’amore diffuse dalle radio Balilla, agli esperimenti di quella musica colta d’avanguardia che, proprio allora, era in cerca di inaudite sonorità.

La fisarmonicista Katerina Haidukova accompagna in scena il racconto di Maurizio Donadoni, basato su documenti e aneddoti, ricordi politici e familiari. Una narrazione d’un solo attore, ma a molteplici voci, che si espande in uno spazio scenico nitido, scarno e rigoroso: luogo dove il passato prende corpo attraverso il corpo e la voce dell’interprete; dove il racconto documentale si fa testimonianza funambolica tra grande storia e piccole storie. E dove ognuno di noi è chiamato a rispondere, come può o come deve, alla domanda: che valore ha, per noi, oggi, la democrazia?

Biglietti da 25 a 8 euro. Info e vendite su www.teatrocomunaleferrara.it, su Vivaticket e in biglietteria del Teatro.

28 ottobre ore 20,30

‘Matteotti Medley’

documentario teatrale a cura di Maurizio Donadoni

fisarmonica Katerina Haidukova

regia di Paolo Bignamini

scene e costumi Eleonora Battisti, Gaia Bozzi, Hefrem Gioia, Martina Maria Pisoni, Giada Ratti, Valentina Silva, Alessia Soressi, coordinati da Edoardo Sanchi in collaborazione con Accademia Di Belle Arti Di Brera – Scuola Di Scenografia

disegno luci Pietro Bailo

produzione Teatro de Gli Incamminati in collaborazione con Fond’azione Dopolavoro.

Spettacolo realizzato con il contributo di Next Edizione 2021 2022

Si ringraziano Matteo Bonanni e Maria Laura Palmieri

durata 90 minuti senza intervallo.

(Ph. Federico Buscarino)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *