Maxi-blitz della Polizia al grattacielo

Un’operazione di controllo straordinario della Polizia, con l’obiettivo di contrastare lo spaccio di sostanze stupefacenti e della prostituzione, nonché la presenza irregolare di persone. Parte con questo obiettivo il blitz che dalle prime ore della mattina di giovedì 25 giugno ha coinvolto circa 200 agenti, con l’ausilio di unità cinofile, Reparti Prevenzione Crimine e Squadre del Reparto Mobile, oltre ad un aereo del reparto volo della Polizia di Stato di Venezia.

Quattordici le perquisizioni delegate dalla magistratura ed oltre 100 controlli nelle torri del Grattacielo e zone limitrofe del Gad, per capire chi vive nella zona che da anni è al centro del dibattito politico relativo alla sicurezza.

Un’operazione eseguita alla presenza del Questore di Ferrara Cesare Capocasa e di autorità cittadine quali il sindaco Alan Fabbri ed il vicesindaco Nicola Lodi.

Il risultato è quello di un fermo di polizia nei confronti di un nigeriano di 32 anni e di un ordine di carcerazione per un pakistano ventottenne, oltre a 5 espulsioni al Centro di permanenza per i rimpatri di Torino.

Sospese, inoltre, le licenze di cinque locali dell’area circostante per periodi che vanno dai 7 a 15 giorni.

Complessivamente, come spiegato successivamente dal Questore, si è trattata di un’operazione per verificare dall’interno la situazione, dopo tre mesi di attività con un presidio fisso diurno che ha ridotto e allontanato la presenza degli spacciatori da giardini e luoghi pubblici.

Lo spaccio resta presente in zone più periferiche, su cui le forze dell’ordine stanno lavorando per una fase successiva.

Un pensiero su “Maxi-blitz della Polizia al grattacielo

  • 25/06/2020 in 18:03
    Permalink

    Molto bene spero che tali operazioni possano essere effettuate ancora più di frequente. Complimenti al Questore e al sindaco.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *