Meis: dal libro della memoria al memoriale digitale

05 meis shoa nomi-1

Un memoriale digitale dedicato alle vittime della Shoah italiana: contiene più di 700nomi di ebrei italiani vittime della persecuzione antiebraica del biennio 1943-1945” Sul sito web “I nomi della Shoah italiana” i nomi delle vittime, corredati dei dati anagrafici: ebrei deportati , molti scomparsi, alcuni tornati, tutti rintracciati da Liliana Picciotto, autrice del sito web tratto del libro, pubblicato nel 1991,dal titolo “Il libro della Memoria”.

Nel sito sono inclusi i nomi dei deportati deceduti nei campi di sterminio, i morti negli eccidi italiani, i sopravvissuti. Molti nomi sono di ferraresi di religione ebraica. Il sito è stato voluto e promosso dal CDEC; Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea di 05 meis shoa nomi-2Milano.

Una ricerca lunga trent’anni, dice Liliana Picciotti, che continuerà con la ricerca sull’identità dei “Giusti” che hanno reso possibile il ritorno di tanti ebrei perseguitati, come ci ha detto la Presidente dell’Istituto di Storia contemporanea di Ferrara, Anna Quarzi che con la Fondazione del MEIS, Museo dell’ebraismo italiano edella Shoah ha presentato l’iniziativa oggi pomeriggio alla Sala Polivalente del Museo. Una presentazione, ci ha detto, il Rabbino Capo della Comunità ebraica di Ferrara, Luciano Caro, del tutto in sintonia con l’obiettivo culturale proprio del Meis, che si propone di far riflettere sulle vicende della Shoa e di far conoscere i momenti salienti della storia dell’Ebraismo italiano.

%CODE%

Un pensiero su “Meis: dal libro della memoria al memoriale digitale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *