Mens-A, al festival del “Nuovo Umanesimo” anche Moni Ovadia, con Buttafuoco, Cardini e Celada Ballanti

Ci sarà anche Moni Ovadia alla prima edizione ferrarese di Mens-A, l’unico Festival di “cultura diffusa” in Emilia-Romagna, con decine di studiosi internazionali a confronto – in diverse sedi regionali – sul tema del “Nuovo Umanesimo”. La tappa di Ferrara è in programma venerdì 8 ottobre alle 17,10 alla Sala Estense, presso la residenza municipale (piazza del Municipio 2).

Ovadia ha confermato in queste ore la sua presenza. Interverrà quindi insieme a: Pietrangelo Buttafuoco, scrittore, giornalista che parlerà di “Tradizione e modernità”, Roberto Celada Ballanti, filosofo della religione e del dialogo interreligioso e docente all’università di Genova, che approfondirà i temi della verità e della storia nel pensiero moderno e Franco Cardini, storico e saggista, il cui contributo ha un titolo sottilmente provocatorio: “La storia racconta la verità?”.

“Siamo felici che il parterre di relatori di altissimo livello si arricchisca ulteriormente del contributo che porterà Moni Ovadia, direttore del Teatro comunale di Ferrara”. “Sarà – anticipa l’assessore Marco Gulinelli – fondamentalmente un dibattito sul futuro: il nuovo Umanesimo è infatti un argomento ancora più centrale dopo quello che il territorio, il Paese, l’Europa e il mondo hanno vissuto a causa del Covid. Questo passaggio epocale ci induce a mettere a servizio mente e coscienza per pensare e ripensare l’uomo, mettendo in campo nuovi progetti sociali e politici. Credo tantissimo in questa iniziativa, anche come momento di riflessione utile alla ripartenza, che da mesi stiamo cercando di costruire con impegno e con un vasto gioco di squadra”.

L’incontro di venerdì 8 ottobre alla Sala Estense è a ingresso gratuito, con posti limitati e con prenotazione da effettuare telefonando al numero 333 9370875 (accesso consentito con green pass).

Il Festival ha ottenuto il sostegno dell’Istituto Italiano di Cultura a Londra, che trasmetterà in diretta tutti gli incontri sui suoi canali social.

L’evento prevede incontri anche a Bologna, Modena, Reggio Emilia, Parma, Vignola e Ravenna, è ideato dall’associazione Apun con la direzione di Beatrice Balsamo, in collaborazione con l’Università di Bologna, l’Università di Modena-Reggio, l’Università di Parma, l’ Accademia di Belle Arti di Bologna e l’Assessorato alla Cultura della Regione Emilia Romagna, e con il patrocinio del Comune di Ferrara e degli altri Comuni coinvolti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *