Microdiscariche: cosa si rischia

Sotto il cavalcavia di via Wagner vicino alla piccola media industria di San Giorgio da qualche giorno sono comparsi i resti di una camera da letto. C’è l’armadio a pezzi, ci sono anche i comodini e due materassi senza reti. Si potrebbe pensare a un bivacco per i clochard, come se ne sono visti spesso sotto il ponte di San Giacomo.

In verità si tratta semplicemente di rifiuti abbandonati da una o più persone che si sono volute liberare della vecchia camera da letto. Di questi spettacoli tristi se ne vedono in giro. Oltre a deturpare il paesaggio, quando si abbandonano i rifiuti si rischia anche di inquinare il territorio irreversibilmente.

Per questo sono salate le multe contro chi lascia rifiuti in giro. Le sanzioni possono variare da 300 fino a 3000 euro per questi tipo di spazzatura. Ma se si tratta di rifiuti pericolosi, si possono raggiungere anche cifre record, fino a 6000 euro.

Poi, se si tratta di un’azienda, la sanzione diventerà penale. Polizia municipale e Polizia provinciale lottano contro chi abbandona i rifiuti, tanto che è stato creato un sito, www.ecouniamoci.it, sul quale i cittadini potranno segnalare le situazioni di degrado. Ma basta anche una semplice chiamata ai vigili urbani, i quali, grazie all’aiuto dei cittadini, potrebbero perfino risalire a chi ha abbandonato i rifiuti.

Per liberarsi dei rifiuti ingombranti o pericolosi poi, esistono diverse isole ecologiche sparse per la città e la provincia e le multi utility ritirano gratuitamente i rifiuti su appuntamento, anche a casa.

[flv]http://telestense-view.4me.it/api/xpublisher/resources/weebopublisher/getContentDescriptor?clientId=telestense&contentId=1604b70a-f66c-484e-b4ab-3eb82559ce53&channelType=STREAMHTTPFLASH[/flv]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *