Migliaia di persone al “Festival dei burattini”

Le luci della ribalta si sono spente attorno al “Festival nazionale dei burattini”, che durante tutto l’arco di maggio ha toccato il comune di Voghiera e anche Ferrara. Secondo l’organizzatore, Maurizio Bighi, “l’obiettivo era far conoscere ai più piccini questa splendida tradizione emiliana e a far ritornare bambini i nostri vecchi”.

Al festival sono intervenute persone da 50 località diverse. Nelle sei serate nelle diverse frazioni di Voghiera attraverso schede indagine e pastelli consegnati gratuitamente a tutti i bambini,  sono stati contati 1.285 persone, per il 63% adulti, con una presenza media per serata di 230 persone, nonostante il clima non sempre ideale per uno spettacolo all’aperto.

Secondo gli organizzatori, “i bambini hanno prodotto circa 130 disegni inerenti lo spettacolo e alla serata finale alla Sagra di S.Eurosia a Gualdo, abbiamo premiato i lavori migliori con una confezione di burattini. Sono stati distribuiti  oltre 550 manuali “Come costruire un burattino” e offerte 700 penne con il logo del Festival “I Burattini di Nevio” agli intervenuti. Il mezzo pubblicitario che più ha funzionato è stato il passa parola (43% degli spettatori l’ha saputo da amici e conoscenti), poi la locandina (28%),  il manifesto 70×100 (200 a Ferrara e 200 in 5 Comuni limitrofi a Voghiera), il rimanente 29% suddiviso fra quotidiani, internet, tv locale, volantini presso le Scuole materne e primarie).

Fra i commenti più significativi: “Grazie per aver risvegliato i ricordi della mia gioventù”, “Bravi, bravi, bravi… continuate così”, “Proponetevi nelle scuole, pagheremo noi genitori”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *