Migranti: a vuoto bandi di Asp per nuovi alloggi. Oggi altri arrivi

migrantiAltri 14 profughi sono arrivati oggi a Ferrara e nei prossimi giorni, dati gli sbarchi che si registrano in queste ore nel Sud Italia, altri ne arriveranno.

Un vero e proprio esodo che nei territori sta creando un altrettanto vero e proprio stato di emergenza.

E il rischio che questi nuovi arrivi non trovino una sistemazione consona e finiscano per strada è sempre più alto. I posti Sprar, gli arrivi programmati, sono tutti esauriti, l’hub di Pontelagoscuro è ormai pieno e quindi serve che i privati, ha sottolineato recentemente il prefetto, collaborino e mettano a disposizione immobili che potrebbero essere consoni a questo tipo di ospitalità.

La gestione dei migranti l’amministrazione di Ferrara, il Comune capofila per la gestione del fenomeno, la sta effettuando in collaborazione con Asp che proprio il 26 maggio scorso ha visto andare a vuoto un bando in cui si cercava un privato che desse la sua disponibilità per creare un nuovo hab. E se questo è andato a vuoto un altro rischia di fare la stessa fine. Si tratta di un bando che scadrà il 5 giugno prossimo e si rivolge ai privati affinché mettano a disposizione case o appartamenti ma fino ad oggi nessuno ancora ha risposto.

“Un bando che abbiamo aperto 15 giorni fa per dar seguito all’appello del prefetto che invitava i ferraresi a collaborare” spiega la presidente di Asp, Angela Alvisi. “Il rischio che finiscano in alloggi di fortuna a questo punto – ribadisce con amarezza l’Alvisi – è sempre più elevato”. E se consideriamo che a questo problema si aggiunge a quello che alcuni Comuni non mostrano collaborazione nell’accettare nuovi migranti il quadro peggiora ancora di più.

Mesola e Goro non hanno ancora ricevuto nessun profugo e ci sono comuni come Bondeno e Cento che rispetto a Vigarano Maianarda e Berra registrano percentuali di presenza davvero minimi. A Bondeno invece il rapporto migranti residenti è dello 0,41, a Cento sale di poco e arriva allo 0,95 ma se guardiamo Vigarano il rapporto sale quasi al 9% e ad Ostellato e Fiscalgia si attesta sul 7%.

In città il rapporto migranti e residenti invece si ferma a poco più del cinque per cento con 713 profughi presenti di cui 643 arrivati con l’emergenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *