Migranti: cinque comuni non hanno mai accolto richiedenti asilo. Numero più alto di presenze a Ferrara

Sono 1080 i richiedenti asilo politico in provincia di Ferrara, ovvero il 3,28% della popolazione estense.

E di questo totale 923 richiedenti asilo sono arrivati in una situazione di emergenza.

I numeri sono quelli del report aggiornato al primo marzo curato dalla prefettura. Numeri che arrivano a 48 ore dalle ultime barricate che si sono verificate a San Bartolomeo e che sono la fotografia del fenomeno nella nostra provincia.

Dal report emerge che il nostro territorio è diviso per distretti, tre in tutto.

Quello che conta la maggiore presenza è il distretto Centro Nord che oltre alla città di Ferrara, comprende anche l’hub di Pontelagoscuro, Copparo, Jolanda, Masi Torello, Ro e Tresigallo. Il Comune che ospita la maggior parte dei richiedenti asilo è Ferrara con 635 persone, compreso l’hab di Pontelagoscuro, seguono Copparo, con 42 e Berra con 34.

In questo distretto non compaiono comuni come Voghiera e Formignana che non hanno ancora accolto migranti giunti nel nostro territorio, mentre Jolanda e Masi Torello hanno accolto soltanto quelli dell’accoglienza programmati Sprar. Se si analizza il distretto Ovest, quello che comprende tutto l’Alto Ferrarese, la zona più colpita dal terremoto, inoltre si evince che Vigarano Mainarda è il Comune più accogliente di tutta l’area con 48 richiedenti asilo presi in carico.

Di più di Cento con 34, di Poggio Renatico che ne registra 19 per un totale di 98 migranti presenti nell’area. In questo distretto c’è anche Bondeno che ha in carico sei richiedenti asilo. Il distretto Sud Est infine. Quello che va da Argenta a Comacchio.

Qui il totale dei richiedenti asilo è di 165 persone e il comune che ne ospita di più è Fiscaglia con 45 persone. Segue Ostellato con 37 persone e Comacchio con 35.

In questo distretto mancano ancora all’appello per l’accoglienza i comuni di Mesola, Goro e Lagosanto che al momento non rientrano nel report proprio perché non hanno ancora accolto dei richiedenti asilo. “Lo Stato ci impone l’accoglienza – afferma il sindaco e il presidente della nostra Provincia, Tiziano Tagliani dopo i fatti di San Bartolomeo – e per questo occorre che tutti i comuni facciano la loro parte”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.