Minniti a Molinella e Budrio: visita ai parenti delle vittime – VIDEO

Nessuna dichiarazione pubblica, ma l’intento a proseguire nelle indagini per catturare Norbert Feher, alias Igor Vaclavic, il killer che ha freddato lo scorso primo aprile Davide Fabbri, barista di Budrio, e lo scorso 8 aprile Valerio Verri, guardia volontaria.

Il ministro dell’Interno Marco Minniti ha fatto visita a Budrio e Molinella per incontrare privatamente i parenti delle vittime e dare il proprio sostegno alle forze dell’ordine che continuano a setacciare l’area tra il bolognese ed il ferrarese, dove sono avvenuti i due omicidi.

 

 

Dopo una prima tappa a Budrio, il ministro è arrivato attorno alle 14.00 a Molinella, dove ad attenderlo in municipio c’erano il primo cittadino Dario Mantovani, assieme ai sindaci di Argenta, Bologna, Budrio, Ferrara e Portomaggiore e ai prefetti. E proprio con Nicola Minarelli, sindaco di Portomaggiore, sono arrivati Emanuele e Francesca Verri, figli della guardia freddata nei pressi della località ferrarese. Dopo l’incontro blindato in Comune, il ministro Minniti è arrivato presso la caserma dei carabinieri di Molinella, in un incontro altrettanto chiuso alla stampa e a dichiarazioni pubbliche, ad eccezione di una breve esternazione del questore di Bologna Ignazio Coccia che ha sostenuto di proseguire nelle indagini e di avere buoni elementi.

Attraverso i social network, alcuni sindaci hanno riassunto quanto emerso dall’incontro. I primi cittadini di Argenta, Portomaggiore, Molinella hanno sottolineato che “il Ministro ha assicurato che le squadre sul territorio rimarranno fino alla cattura del fuggiasco, apprezzando le compostezza e la tenuta del tessuto sociale delle nostre comunità e invitando la cittadinanza a dare il massimo supporto alle Forze dell’Ordine che stanno lavorando”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *