Mirabello, parte la ricostruzione

Ancora una settimana e saranno passati due mesi dalla prima forte scossa di terremoto del 20 maggio. A Mirabello, uno dei comuni più danneggiati dal sisma, la situazione d’emergenza è finita e ormai si pensa già alla ricostruzione.

Qui, oltre ai capannoni e alle case distrutte, sono circa 400 le case inagibili. In meno di due mesi i tecnici hanno verificato 1400 edifici, soddisfacendo così tutte le domande arrivate in comune.

Ma oltre alla terra che trema, a Mirabello fa paura anche il fenomeno della liquefazione delle sabbie. I geologi, qui come a san Carlo, stanno eseguendo delle indagini nei terreni per mappare il sottosuolo.

Intanto il comune ha già ricevuto i primi fondi per coprire i costi della fase di emergenza. Ora si aspettano quelli per la fase 2, la ricostruzione. Soprattutto di capannoni e aziende completamente distrutte dal terremoto.

[flv]http://telestense-view.4me.it/api/xpublisher/resources/weebopublisher/getContentDescriptor?clientId=telestense&contentId=32c67c58-8855-41df-b6c4-dc276af6048a&channelType=STREAMHTTPFLASH[/flv]

2 pensieri riguardo “Mirabello, parte la ricostruzione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *