Moy Buzz Blog – Un nome non e’ solo un nome

Ciao a tutti!

Inizierò’ questo blog spiegando le ragioni del nome di questo blog.

Chi mi conosce bene sa che ho l’abitudine di dare un nome a tutto: alla mia macchina, alla mia casa, alle piante di casa… Non importa se si tratti di qualcosa di animato o inanimato, l’importante e’ che esista! Credo che nel momento in cui si dia un nome a qualcosa si attribuisca anche un significato particolare a quella specifica “cosa”.

Ecco che il blog prende semplicemente il nome dal mio nome vero (Moira Buzzolani), ma con alcune connotazioni specifiche che vorrei spiegarvi per poter entrare nella filosofia di questo spazio.

Moy deriva da Moira ed e’ il nick name che mi attribuiscono gli amici intimi ed  e’ anche il nome con cui firmo le mie opere pittoriche a cui tengo particolarmente. Chiamare il blog Moy e’ quindi un modo per aprire una porta sincera di “conoscenza” reciproca con chiunque voglia interagire in questo spazio aperto. Sentitevi liberi sono qui per ascoltarne offrire un punto di vista tra I tanti…

Buzz deriva invece dal mio cognome, ma mi e’ sempre piaciuto particolarmente poiche’ in inglese sta ad indicare un passaparola, un raccontare, bisbigliare. Indica anche che c’e’ qualcosa in fermento (buzz about) o che qualcosa ti provoca esaltazione, eccitamento (it gives me a buzz! Mi entusiasma!). Per ultimo Buzz word significa anche qualcosa in voga, di trandy a stylish.

Si’ insomma ci sono mille motivi per scrivere il vostro BUZZ in questo spazio di condivisione.

E se siete interessati a segnalare uno specifico argomento vi prego di segnalarmelo a [email protected]

That idea of sharing with you guys gives me a BUZZ!

 A questo punto la domanda e’ : c’e’ qualcosa che amate particolarmente e a cui avete dato un nome speciale?  C’ e’ qualcosa di buffo o strano che  volete raccontare a proposito di un nome? Oppure qualcosa che riguarda un nome in codice? Oppure avete un nome che non vi piace per nulla e che vorreste cambiare? Perche’? Sono curiosa di sapere di piu’…

Norimberga,  10 Dicembre 2013

Presentazione

Moy Buzz BlogChi sono e che faccio?

Ho lavorato per più’ di dieci anni presso l ‘Università’ di Ferrara come Quality Assurance Manager e Professore a contratto (Dipartimento di Fisica, Medicina e Scienze Naturali). Ho certificato, con il mio gruppo di ricerca, il primo laboratorio di ricerca in Italia con le ISO 9001:2000. Ho svolto attivita’ di consulenza sulla Qualita’ e coaching in ambito aziendale per diversi anni. Sono scrittrice e illustratrice di fiabe per bambini, ho svolto più’ di 50 mostre pittoriche sia in Italia che all’estero su vari temi. Mio sito www.moira.it Sono coach certificata dalla NLP Italy e ho svolto attivita’ di coaching sia a livello privato che training formativi nella scuola e per gruppi privati. Ho sviluppato un tipo di approccio chiamato Emozionismo con l’obiettivo di unire conoscenza delle potenzialità’ della nostra mente con l’ abilita’ di integrare il sentire emozionale.  Dal 2011 vivo e lavoro in Baviera, presso la sede centrale dell’Adidas in Germania. Sono Business Consultant in Design per Global IT.  Ho due slogan che amo particolarmente e che esprimono il mio modo di vedere la vita: Life is heart e Dream first then make things done!

Libri pubblicati, Giraldi editore, Bologna, fiabe: Sole non piangere più’ 2007, L’ albero luminoso di Gion 2007, Il viaggio di Said verso la felicita’ 2010, manuale: Guida operativa per lo sviluppo i un sistema di gestione qualità’ in un laboratorio universitario, 2008

4 pensieri riguardo “Moy Buzz Blog – Un nome non e’ solo un nome

  • 10/12/2013 in 23:31
    Permalink

    A questo punto la domanda e’ : c’e’ qualcosa che amate particolarmente e a cui avete dato un nome speciale?
    Si… Pipino (era il mio orsacchiotto quando ero bambino)

    Rispondi
  • 09/02/2014 in 16:34
    Permalink

    In campagna si comincia a potare e fra un pochino ci sarà bisogno di una mano per la semina.
    Inoltre a stagione inoltrata ci si dovrà svegliare alle 4 della mattina per il lavoro…
    Altarchè buzz

    Rispondi
  • 23/02/2014 in 21:52
    Permalink

    …mi piace l’idea di avere ancora nel cuore un oggetto “caro” del passato…un orsacchiotto o altro…e’ una cosa che ci accomuna tutti…chi non ha mai avuto un pupazzetto alzi la mano!!!

    Rispondi
  • 23/02/2014 in 22:05
    Permalink

    …alcune persone credono di essere le uniche a fare dei sacrifici…mi chiedo se forse non sia il caso di venire giù’ dal pioppo prima di andare a potare…

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *