Musica e parole: una serata della Fondazione A.C.A.RE.F. Onlus per raccontare l’atassia spinocerebellare

L’evento musicale di Fondazione A.C.A.RE.F. Onlus in provincia di Padova per sostenere la ricerca scientifica su questa patologia Una “trasferta” solidale, all’insegna di musica e racconti. La Fondazione A.C.A.RE.F. Onlus di Ferrara ha scelto una località in provincia di Padova, il piccolo Comune di Tribano, per una serata musicale all’insegna della solidarietà e del racconto, per sensibilizzare le persone sull’atassia spinocerebellare, una patologia neurodegenerativa rara e invalidante.

La serata sarà venerdì 18 giugno dalle ore 20.30 presso la Piazzetta Pedonale di Tribano (Piazza Martiri della Libertà, n° 8) e si aprirà con gli interventi del sindaco del Comune Massimo Cavazzana e il presidente della Fondazione Silvio Sivieri.
Due i momenti clou dell’evento: gli intermezzi musicali della Compagnia Otogrì MusicAteatro, gruppo musicale in cui si fondono splendide voci e bravissimi musicisti, e il racconto della volontaria Sabrina Boscaro, testimonial atassia ed ambasciatrice della Fondazione, che si metterà in gioco a suon di danza.

L’evento è stato ideato con la collaborazione di una volontaria molto attiva della Fondazione, Cristina Sturaro, che racconta: “Conosco da vicino questa patologia e il suo decorso e sono consapevole che la ricerca scientifica sia l’unica strada in grado di creare una speranza concreta nei confronti di tutti quanti ne siano affetti. Sono entrata in contatto con Fondazione A.C.A.RE.F. Onlus l’anno scorso grazie ad un’amicizia comune, il legame che si è formato con lo staff è stato fortissimo tanto da spingermi ad impegnarmi in prima persona nella realizzazione di questo momento.”

A.C.A.RE.F. dal 2016 finanzia la ricerca scientifica sulle sindromi atassiche, ma per portare avanti questo progetto – chi appartiene al mondo della ricerca lo sa bene – servono notevoli risorse. L’organizzazione ha appena firmato una nuova convenzione con l’Università degli Studi di Ferrara per il prossimo triennio, ed eventi come questi servono per far conoscere la patologia ancora poco nota e raccogliere fondi.
La prenotazione all’evento è obbligatoria visti i numeri limitati di posti, al fine di rispettare la normativa vigente anti-covid.
Sul sito della Fondazione www.acaref.org è possibile trovare tutte le informazioni dell’evento.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *