Musica, “Ferrara sotto le stelle”: l’estate si “infiamma” – VIDEO

The Last Shadow PuppetsTre date: oggi, mercoledì e giovedì (con “Benji&Fede”), per chiudere alla grande una rassegna di musica che ha attirato in centro a Ferrara tanti appassionati, fans, ma anche diversi ferraresi.

Dopo “Wilco” ieri sera, martedì sarà la sera dei “The Last Shadow Puppets + Yak”: per la prima volta in Italia il supergruppo formato da Alex Turner, leader degli Arctic Monkeys, e dal cantautore inglese Miles Kane. Con appena due album in otto anni, hanno letteralmente forgiato un genere, un baroque pop inventivo e zeppo di riferimenti colti, eseguito con una freschezza e una sfrontatezza tipicamente british. In apertura il lanciatissimo trio garage-punk londinese Yak.

Sono stati tra gli headliner di alcuni tra i più importanti festival internazionali (da Coachella al Primavera) e faranno i loro esordio assoluto nel nostro paese martedì 5 luglio a Ferrara THE LAST SHADOW PUPPETS, uno dei progetti più originali ed inventivi concepiti nel Regno Unito negli ultimi anni. Una band frutto del connubio tra il frontman degli Arctic Monkeys, Alex Turner, l’amico e collega Miles Kane, leader dei Rascals, il re delle produzioni indie James Ford, titolare dei Simian Mobile Disco, ben presto coinvolto in veste di produttore e autore di tutte le parti di batteria e Zack Dawes dei Mini Mansion.

Appare subito evidente che l’elemento di maggiore interesse di questo ambiziosissimo combo è l’impiego in tutte le composizioni di un sfarzosa orchestra (la London Metropolitan Orchestra), coordinata da Owen Pallett (titolare in proprio dei Final Fantasy e collaboratore di Arcade Fire e Beirut, tra gli altri), che si occupa di tutti gli arrangiamenti. Occorre infine aggiungere che il grosso delle registrazioni si svolge in Francia, lontano dai clamori e dalla dolce vita londinese. Per riprodurre fedelmente il mood dei due dischi, THE LAST SHADOW PUPPETS, nella data ferrarese, saranno accompagnati da un quartetto d’archi.

Yak_BandMa è assolutamente da non perdere anche la band d’apertura della serata, YAK, autrice di un album d’esordio tra i più esplosivi dell’anno. Già in circolo nel Regno Unito da almeno un annetto a questa parte, il trio londinese, capitanato dal carismatico ed esuberante frontman Oliver Burslem, ha dato alle stampe nella primavera del 2016 “Alas Salvation”, successore dell’EP No – uscito per l’etichetta Third Man Records di Jack White.

Orari:

Apertura casse: ore 18:00

Apertura porte: ore 19:00

YAK on stage: ore 20:45

THE LAST SHADOW PUPPETS on stage: ore 21:45

MOGWAI - ATOMICUNICA DATA ITALIANA. Domani poi tocca ai MOGWAI play “ATOMIC”, a Ferrara sotto le Stelle: in 20 anni di attività l’elusiva band scozzese è divenuta l’archetipo di un post-rock basato su lunghi brani chitarristici che alternano momenti morbidi e dilatati a vere esplosioni di fragore sonico, forgiando un suono maestoso e potente.

La loro unica data italiana sarà focalizzata sulla sonorizzazione di Atomic, il celebrato documentario di Mark Cousins, costruito interamente da immagini di archivio, un caleidoscopio impressionistico degli orrori del nucleare.

I Mogwai sono: Stuart Braithwaite (chitarra, voce), Barry Burns (chitarra, piano, sintetizzatore, voce), Dominic Aitchison (basso), and Martin Bulloch (batteria).

Mogwai: “Ether”


MOGWAI play ATOMIC

Piazza Castello – Ferrara – Mercoledì 6 luglio

Posti a sedere

Orari:

Apertura casse: ore 18:00

Apertura porte: ore 20:30

MOGWAI on stage: ore 21:45

Ingresso: 30 euro

Info: 348-6117254

Ulteriori informazioni sono reperibili presso il sito web della rassegna: www.ferrarasottolestelle.it

MOGWAI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *