Musica Pomposa: dal 26 giugno al 4 agosto nel parco abbaziale di Pomposa, tutti i concerti sono ad ingresso gratuito

Sei concerti estivi, un repertorio di altissimo livello con grandi artisti e giovani talenti, per un’estate a Pomposa, all’insegna della cultura, nel nome di Dante Alighieri, a 700 anni dalla sua morte. Prende il via, sabato 26 giugno, alle ore 21,15, nel cortile del Palazzo della Ragione a Pomposa, la 56^ stagione concertistica Musica Pomposa, organizzata dal Comune di Codigoro e realizzata, come di consueto, sotto l’egida di Emilia Romagna Festival.

Ad alzare il sipario sulla prestigiosa rassegna musicale è stato chiamato il Coro del Friuli Venezia Giulia, che si esibirà in “Cantate e mottetti sacri”, con musiche di Johann Sebastian Bach. Il coro, che vanta la partecipazione a prestigiosi festival e stagioni concertistiche a livello europeo, è diretto da Ernest Hoetzl, direttore di oltre ottanta orchestre in tutto il mondo. Si esibiranno, inoltre, al flauto Boris Bizjak e Cristiano Dell’Oste all’organo, vincitore di concorsi nazionali con al suo attivo centinaia di concerti e di collaborazioni con numerosi cori di musica e opera lirica. Questo e tutti gli altri concerti di Musica Pomposa sono ad ingresso gratuito, ma è prevista la prenotazione obbligatoria del posto a sedere, in applicazione delle norme anti Covid 19.

Secondo appuntamento, venerdì 9 luglio, sempre con inizio alle ore 21,15: si esibirà al pianoforte Giovanni Umberto Battel, pianista di fama internazionale, che a soli 4 anni ha cominciato a suonare, seguendo le orme del padre pianista e compositore. Battel, si è esibito in tantissimi teatri europei e per sette volte è stato premiati in concorsi internazionali italiani e stranieri.

Martedì 20 luglio, alle ore 21,15 farà ritorno all’Abbazia di Pomposa la Toscanini Next con un concerto “Viva la vida, musica per immagini”, per un omaggio ad alcuni compositori, quali Morricone, Piovani, Bacalov, Williams, Zimmer. Moroder, Nyman e altri. Attraverso la musica e le immagini la Toscanini Next, composta da 51 musicisti under 35, tutti docenti di altissimo livello, renderà omaggio anche ad alcune celebri colonne sonore di pellicole entrate nella storia del cinema mondiale. Le sonorità classiche si fonderanno al pop sinfonico.

Concerto speciale, in memoria delle vittime della pandemia, giovedì 29 luglio, alle ore 2,15, in collaborazione con la Scuola civica di Musica di Comacchio. L’Orchestra Corelli di Ravenna, titolare di un format in esclusiva per l’Italia, reduce dal tutto esaurito in numerosi teatri italiani, porterà in scena i Carmina Burana di Carl Orff. Nata nel 2009, La Corelli è composta da circa 70 elementi, tra coristi ed orchestrali e per l’occasione porterà sul maxi palco, allestito nel giardino del Palazzo della Ragione dell’Abbazia di Pomposa, una serie di canti ispirati ai poemi medievali di straordinario impatto timbrico, musicale e coreografico.

Con Pamela Villoresi si aprirà, venerdì 30 luglio, alle ore 21,15 l’omaggio di Musica Pomposa e di Emilia Romagna Festival al Sommo Poeta. “La somma sapienza e’l primo amore” è il recital che la celebre artista porterà in scena, affiancata, al pianoforte da Marco Scolastra. Si susseguiranno letture tratte dalla Divina Commedia, intercalate da arie di Liszt, Salvatore Pappalardo e Chopin. Pamela Villoresi non ha bisogno di presentazioni: a soli 14 anni ha debbutato come protagonista nel Re Nudo di Schwarz, diretta da Paolo Magelli e a 17 anni ha girato il Marco Visconti, che l’ha resa celebre. Attrice di straordinaria caratura, ha lavorato con veri mostri sacri del grande schermo, da Placido a Sorrentino ne La Grande Bellezza, da Bellocchio ai fratelli Taviani. Protagonista di sceneggiati televisivi, Pamela Villoresi ha condotto anche la trasmissione televisiva Milleunadonna. Dall’aprile 2019 dirige il “Teatro Stabile Biondo” di Palermo. Il pianista Marco Scolastra ha suonato per importanti istituzioni musicali italiane ed estere e con grandi artisti. In scena ha lavorato al fianco di Arnoldo Foà, Ugo Pagliai, Pamela Villoresi e molti altri. Da sempre appassionato di musica del Novecento e contemporanea, Marco Scolastra ha eseguito molti lavori in prima esecuzione assoluta o in prima italiana. La serata vuole essere un doveroso omaggio dell’Amministrazione Comunale e di Emilia Romagna Festival a Dante Alighieri, nella ricorrenza del settimo centenario della morte.

Il gran finale di Musica Pomposa, vedrà in scena, mercoledì 4 agosto, alle ore 21,15 un quartetto d’eccezione, Laura Sciocchetti Quartet per una serata all’insegna del jazz. Il concerto è ispirato a personaggi che hanno lasciato un segno profondo nella storia della musica Fondato dalla cantante e compositrice romana Laura Sciocchetti, il quartetto è formato dal pianista Lewis Saccocci, dal contrabbassista Giuseppe Romagnoli e dal batterista Valerio Vantaggio, che si esibirà in un ricco repertorio tra suggestioni letterarie ottocentesche e contemporanee.

“Anche qust’anno il Comune di Codigoro ha investito risorse importanti – commenta il Sindaco Sabina Alice Zanardi -, per offrire una rassegna musicale estiva di grande qualità. Musica Pomposa seguito con affetto da ben 56 anni vanta la collaborazione consolidata con Emilia Romagna Festival ed è da sempre una garanzia. Come ha sottolineato, in conferenza stampa regionale, l’assessore alla cultura Mauro Felicori, “il pregio di Emilia Romagna Festival è quello di rendere popolare e accessibile a tutti la musica lirica e classica, ritenuta un genere di nicchia.”

PER INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI: 0542-25747, [email protected]

Si può prenotare al massimo due posti per persona, tenuto conto della capienza ridotta della platea, in attuazione delle norme di distanziamento della pandemia.

L’unico concerto prenotabile all’ufficio IAT di Pomposa è quello in memoria delle vittime del Covid, in calendario per giovedì 29 luglio, alle ore 21,15.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *