Napolitano si dimette: Alan Fabbri tra i grandi elettori? – Le VISITE a Ferrara

mapolitano-s-agostino-300x119

Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, oggi si è dimesso. Tanti i ringraziamenti anche dall’Emilia-Romagna. Saluta così un Presidente della Repubblica che è stato a Ferrara due volte.

Giorgio Napolitano si è dimesso da presidente della Repubblica. Il suo è stato il mandato dei record. Mai nessuno, infatti, è stato rieletto per un secondo mandato; mai nessuno è rimasto sul Colle per 9 anni. Il presidente del Senato Piero Grasso assume così le funzioni di presidente della Repubblica supplente. Con l’addio di Napolitano, parte ufficialmente la corsa al Colle.

L’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna si riunirà il 26 gennaio per scegliere i tre grandi elettori del presidente della Repubblica. La delegazione dovrebbe essere composta dai presidenti di Giunta e Consiglio, Stefano Bonaccini e Simonetta Saliera per la maggioranza, mentre per l’opposizione il nome più accreditato è quello di Alan Fabbri (Lega Nord). Saluti e ringraziamenti arrivano anche dal neo Presidente della Regione Emilia-Eomagna, Stefano Bonaccini, il quale ricorda come Napolitano sia sempre stato vicino agli emiliani, “nei momenti più importanti ma anche soprattutto in quelli più difficili come in occasione del sisma che ha colpito così duramente l’Emilia”.

L’ultima visita nel ferrarese del Presidente della Repubblica dimissionario infatti risale al giugno del 2012, a Sant’Agostino, a pochi giorni dalle scosse del terremoto che ferirono l’Emilia. Qui incontrò anche i familiari delle vittime dei crolli oltre alle istituzioni locali. La prima visita a Ferrara di Napolitano risale al 22 ottobre del 2007 quando inaugurò la Fondazione Ermitage Italia di Ferrara. Due visite a Ferrara insomma nel primo mandato di Napolitano, nessuna nel secondo conferitogli nel 2013.

[flv image=”https://www.telestense.it/img-video/mapolitano-s-agostino-300×119.jpg”]rtmp://telestense.meway.tv:80/telestense_vod/napolitano_20150114173232.mp4[/flv]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *