“Narrare ad occhi ben chiusi”, al Ridotto, presentato il nuovo libro di Roberto Pazzi

Narrare ad occhi ben chiusi è il titolo del  nuovo libro di Roberto Pazzi , presentato ieri al Ridotto del Teatro Comunale di Ferrara. Un testo che  rappresenta il risultato in forma di saggio in prima persona, quindi anche  un testo autobiografico,  delle lezioni di creatività letteraria tenute dallo scrittore ferrarese Roberto Pazzi nel corso di quasi venticinque anni. A Ferrara, in Italia e all’estero.

A presentare Narrare ad occhi ben chiusi,  accanto allo scrittore e maestro, visibilmente emozionato per la presenza dei tanti affezionati ammiratori e amici, tanti lettori della sua opera e  alcuni allievi che grazie ai corsi di “Itaca” la scuola di scrittura fondata a Ferrara e diretta da Roberto Pazzi per quattro anni, sono diventati a loro volta autori di romanzi e racconti, anche di successo, erano Anna Chiara Venturini, Michele Balboni  Marco Gulinelli, assessore alla cultura del Comune di Ferrara che ha introdotto e concluso il pomeriggio annunciando l’intenzione , a nome dell’Amministrazione Comunale, di insignire lo scrittore, ferrarese di adozione, ma ligure di nascita, della cittadinanza onoraria.

Insegnare a scrivere è una sfida, è stato detto,  che richiede passione e talento: avere un maestro del valore di Roberto Pazzi rappresenta un investimento pedagogico, culturale, emotivo, che nasce dalla convinzione che la scrittura e la sua  gemella complementare la  lettura, rendano davvero migliore chi si impegna in un  apprendimento faticoso, ma certamente gratificante. Un pomeriggio all’insegna della riflessione su che cosa comporti l’attività di chi dedica la propria vita alla scrittura creativa, che significa, leggere e soprattutto scrivere, ma anche selezionare e pubblicare i libri di chi osa proporsi al pubblico dei lettori. A portare la voce della Casa editrice Minerva, un editore ormai di casa a Ferrara come Roberto Mugavero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.