Natta-Copernico con Piero Angela

Alberto Angela durante la cerimonia

Un premio che gode di un incondizionato riconoscimento in campo istituzionale, che dieci anni fa è partito da Ferrara e ha portato in città tanti ricercatori e tanti protagonisti del mondo scientifico. C’erano le più alte cariche della città questa mattina a palazzo Roverella ad assistere alle premiazioni dei premi “Natta-Copernico”.

Quest’anno il premio per la divulgazione scientifica è andato a Piero Angela, scrittore e conduttore di fortunate trasmissioni televisive famose, come Super Quark. “Angela ha saputo appassionare con grande motivazione numerosissimi adulti ma, soprattutto, è stato in  grado di portare tra i ragazzi e tra i giovani la passione per la scienza”. Questa la motivazione del comitato promotore che intanto ha consegnato anche il premio “Giulio Natta” a un ricercatore affermato nel campo della chimica, il dottor Peter Denfil.

Celebrata anche la ricerca e soprattutto i giovani ricercatori. La ricercatrice Daphne Selvaggia Cabianca infatti è stata premiata con il “Nicolò Copernico – Fondazione Carife” per le Scienze bio mediche, per il suo studio su un nuovo meccanismo molecolare alla base della malattia genetica, recuperando così parti di dna definito di scarto.

Una ricerca innovativa come quella del dottor Marco Mella del dipartimento di chimica dell’Università di Ferrara, che ha ricevuto il premio “Nicolò Copernico” per l’ambiente per una ricerca su un tipo di plastica biodegradabile.

[flv]rtmp://telestense.vod.weebo.it/vodservice/20120519_08.flv[/flv]

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *