“Nine”: il musical tratto dal film ‘8 1/2’ di Fellini in prima nazionale al Teatro Comunale

Debutta in prima nazionale il musical ‘Nine’ con la regia di Saverio Marconi, il 4 e 5 giugno alle 20,30 al Teatro Comunale di Ferrara. ‘Nine’ è il primo titolo in programma di ‘A Summer Musical Festival’, la rassegna di musical giunta quest’anno alla IX edizione organizzata dalla BSMT di Bologna con la Direzione Artistica di Shawna Farrell.

Il musical, ispirato al capolavoro ‘8 1/2’, di Federico Fellini, debutta per la prima volta in Italia a firma di Saverio Marconi che lo aveva già diretto con successo a Parigi nel 1997 presso le Folies Bergère con un cast internazionale. La Direzione Vocale è di Shawna Farrell, le coreografie di Gillian Bruce e l’Orchestra Città di Ferrara è diretta dal Maestro Lorenzo Bizzarri. ‘Nine’ è una co-produzione di BSMT Productions in collaborazione con Fondazione Teatro Comunale di Ferrara, Fondazione I Teatri, Fondazione Ravenna Manifestazioni.

Protagonista nel ruolo di Guido per la recita di Ferrara, Filippo Strocchi, che vanta un prestigioso curriculum con ruoli da protagonista in varie produzioni in Italia, Germania, Gran Bretagna, Svizzera e Austria. Le donne che ruotano attorno alla vita di Guido sono interpretate da performer apprezzate nel panorama del musical italiano  L’ensemble, tutto al femminile, è formato da altre allieve dell’Accademia. Sul palco anche il giovane Ruben Vecchi che interpreta Guido bambino.

‘Nine’ è andato in scena per la prima volta a Broadway nel 1982, riscuotendo un immediato successo tanto da aggiudicarsi cinque Tony Awards, tra cui quello di miglior musical. La versione in musical segue la trama del film di Fellini e ricrea in molte scene la sua atmosfera volutamente surreale e simbolica. Protagonista è il regista italiano Guido Contini, un genio della cinematografia, circondato da troppe amanti e da una moglie non del tutto rassegnata.

L’uomo è ossessionato dai ricordi e soprattutto da un calo della creatività che gli impedisce di portare a termine il suo ultimo film nonostante le pressioni dei produttori e della stampa. Tra incubi e realtà, Guido si mette a confronto con se stesso e con tutte le donne della sua vita tra le quali tornano dalla memoria anche sua madre e “La Saraghina”, una prostituta simbolo dei suoi primi turbamenti sessuali e di una fanciullezza mai sopita. A fare da contraltare al protagonista, in scena c’è anche un Guido di soli nove anni, una specie di alter-ego del Guido adulto, ideale ponte tra passato e presente.

Il libretto è firmato da Arthur Kopit, l’adattamento dall’italiano è di Mario Fratti, traduzione liriche e libretto di Franco Travaglio. Le musiche originali sono di Maury Yeston, tra i brani spiccano certamente ‘My husband makes movies’ e l’eccentrica ‘Be Italian’; tutte le canzoni sono cantate in italiano.

Prevendite online su: www.teatrocomunaleferrara.it e www.vivaticket.com.
Prezzo biglietti: da 15 a 20 euro
Inizio spettacolo: ore 20,30
(Ph. Riccardo Sarti)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *