“No a rifiuti da fuori regione”: i sindaci emiliani incontrano il Ministro dell’ambiente

inceneritore-pp

I Comuni dell’Emilia-Romagna, in accordo con il sistema delle autonomie locali e con l’amministrazione Regionale, confermano la loro indisponibilità ad accogliere nei propri impianti di termovalorizzazione – cioè gli inceneritori – rifiuti extra regionali.

Lo hanno ribadito oggi nel corso di un incontro con il Ministro dell’ambiente Andrea Orlando.

“Questa scelta – hanno spiegato i sindaci – non è motivata da protezionismo o mancanza di solidarietà nazionale, ma è ugualmente necessaria perché romperebbe il delicato equilibrio che sostiene i risultati e i comportamenti dei cittadini nella gestione dei rifiuti”.

L’incontro è stato concordato nello scorso mese di novembre, quando un documento collegato alla legge di stabilità ipotizzava la creazione di un sistema nazionale dei termovalorizzatori che avrebbe fatto della pianura padana il luogo in cui incenerire i rifiuti provenienti da tutta Italia.

Il Ministro ha confermato che lo scopo del documento non era creare flussi di rifiuti extra regionali.

La principale preoccupazione del Ministro è la realizzazione degli impianti previsti nei piani esistenti, piani che quasi mai sono stati attuati in molte regioni del centro-sud.

All’incontro ha partecipatro, per il comune di Ferrara, l’assessore all’ambiente Rossella Zadro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *