Nuove tecniche in Chirurgia

Le tecnologie avanzano anche nel campo della medicina e oggi alcuni interventi chirurgici che un tempo erano impensabili da effettuare in laparoscopia sono diventati una realtà che non solo permette una degenza ospedaliera veloce e mirata ma reintroduce in poco tempo alla vita sociale il paziente.

Le nuove tecniche mini invasive in laparoscopia, operazioni chirurgiche effettuate grazie all’ausilio di piccoli tubi che vengono inseriti nella parte del corpo del paziente che deve essere operata, sono state presentate questa mattina dalla direzione generale del Sant’Anna che le ha adottate per la chirurgia generale e toracica.

Con il direttore generale dell’azienda ospedaliera Gabriele Rinaldi, che guarda al funzionamento del nuovo ospedale di Cona, c’era anche lo staff che fa capo alla chirurgia generale toracica, diretta dal professor Giorgio Cavallesco, che da anni ha intrapreso un cammino di alta specializzazione in questo campo facendo del reparto un eccellenza, con Modena e Forlì,in tutta l’Emilia Romagna. Un percorso che ha richiesto alta formazione medica ma anche del personale infermieristico e che nasce grazie al senso di appartenenza a un lavoro di gruppo che punta al meglio della chirurgia moderna…

Tecniche chirurgiche che migliorano l’efficacia degli interventi e sono efficienti per un’azienda ospedaliera che punta alla qualità ma che – di questi tempi – deve fare i conti anche con le minori risorse economiche a disposizione.

Le nuove macchine sono molto costose – sostiene la direzione – ma il ritorno sta soprattutto nel guadagno in salute del paziente ma anche nell’accorciamento dei giorni di degenza che da sette sono passati a cinque…

[flv]rtmp://telestense.vod.weebo.it/vodservice/20120302_05.flv[/flv]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *