Nuovi profughi a Ferrara. Ficarolo dice di no a 80 profughi

L'hotel a Ficarolo, a pochi passi da Bondeno
L’hotel a Ficarolo, a pochi passi da Bondeno

Non solo Goro e Gorino ma anche la vicina Ficarolo (provincia di Rovigo) sarebbe pronta per fare la barricate contro i profughi.

Questa sera consiglio straordinario in Comune per l’arrivo, già nei prossimi giorni, di 30 profughi, nell’Hotel dell’ex discoteca White House.

Intanto a Ferrara sono arrivati oggi 14 nuovi profughi. Ragazze e ragazzi molto giovani, che saranno smistati in strutture della città e della provincia estense. In arrivo anche i fondi per finanziare la macchina dell’accoglienza.

I profughi vanno e vengono. Le strutture preposte, sia private che pubbliche, li ospitano, loro se ne vanno e poi ne arrivano altri ancora. Un via vai, quello dei profughi in terra italiana che passa attraverso lo Sprar, il sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati, che prevede la realizzazione di progetti di ‘accoglienza integrata’ da parte degli enti locali che danno la loro disponibilità su base volontaria. Oltre al classico vitto e alloggio ci sono anche misure di assistenza per l’inserimento socio-economico nella comunità ospitante come ad esempio l’insegnamento della lingua italiana.

Immagine d'archivio
Immagine d’archivio

Nella provincia estense, dopo gli ultimi sbarchi a Lampedusa, arriveranno una trentina di nuovi profughi. In città ne sono già arrivati 14, tutti provenienti dalla Guinea: si tratta di giovani donne (che dovrebbero essere ospitate in un centro del basso ferrarese e in una struttura dell’alto ferrarese) e giovani uomini, ospitati invece in città, probabilmente a Ferrara e a Pontelagoscuro. Insieme ai profughi in arrivo ci sono anche nuove risorse. 1 milione e 700mila euro sborsati dall’Europa e dal nostro paese che serviranno per mantenere la complessa macchina dell’accoglienza

Intanto le barricate di Gorino potrebbero riproporsi nella vicina provincia di Rovigo. A Ficarolo questa sera, a partire dalle 21 ci sarà consiglio straordinario aperto alla cittadinanza per informare sul possibile arrivo, a scaglioni, di un’ottantina di profughi all’Hotel Lory. La struttura, che molti conoscono come ex White House (discoteca molto in voga a fine degli anni ’70 e primi anni ’80) oggi vede annesso un albergo a 3 stelle che il proprietario ha reso disponibile per l’accoglienza dei profughi. I primi 30 migranti potrebbero arrivare già nei prossimi giorni. Il sindaco Fabiano Pigaiani dopo aver scritto a Prefetto di Rovigo una lettera molto dura, esprimendo tristezza, impotenza e rabbia per come viene gestita la accoglienza, informerà i suoi concittadini che, a quanto ci risulta, non esiterebbero a manifestare la protesta, esattamente come è successo a Gorino nei giorni scorsi

One thought on “Nuovi profughi a Ferrara. Ficarolo dice di no a 80 profughi

  • 01/11/2016 in 19:45
    Permalink

    I terremotati a dormire al freddo nelle tende e nelle automobili ed i profughi in vacanza pagata dagli Italiani in Albergo !!! Complimenti a Renzi e compagni!!!!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *