Nuovi ristori della Regione gestiti dalle Camere di Commercio

Alle ore 12 del 4 giugno prossimo scadrà il termine per la presentazione delle domande sul nuovo bando “ristori” promosso dalla Regione Emilia-Romagna. 13,35 milioni gli euro stanziati, per il tramite di Unioncamere Emilia-Romagna e delle Camere di commercio – a sostegno di discoteche e sale da ballo; commercio su area pubblica nelle fiere, ristorazione ambulante; spettacolo viaggiante; gelaterie, pasticcerie e altre attività da asporto e ristorazione; palestre; settore cinematografico; imprese culturali.

I soggetti richiedenti devono risultare iscritti al Registro delle Imprese della Camera di commercio, essere attivi alla data di presentazione della domanda e in situazione di regolarità contributiva nei confronti di INPS e INAIL. Sono, poi, previsti specifici requisiti che variano a seconda dell’attività economica dell’impresa per i quali si rimanda al bando reperibile sul sito della Camera di commercio di Ravenna (www.ra.camcom.gov.it).

Ad ogni soggetto interessato è consentito presentare una sola domanda, che dovrà essere firmata dal legale rappresentante, esclusivamente per via telematica (salvo per i soggetti economici destinatari delle Misure 6 e 7 esclusivamente iscritti al REA), attraverso la piattaforma RESTART (https://restart.infocamere.it), alla quale si può accedere con identità digitale SPID oppure tramite Carta Nazionale dei Servizi (CNS) con PIN dispositivo. Tutte le domande considerate ammissibili avranno diritto ad un eguale contributo a fondo perduto.

Il nostro obiettivo – ha sottolineato Paolo Govoni, commissario straordinario della Camera di commercio come già avvenuto nella gestione dei ristori alle imprese di somministrazione di alimenti e bevande, per il quale abbiamo già completato i bonifici a tutte le imprese risultate in regola con gli oneri previdenziali, è quello di dare una risposta efficace e veloce agli imprenditori, stremati da incertezze e chiusure. Ringrazio la Giunta regionale ed il suo presidente per questo secondo intervento in favore di categorie che hanno altrettanto risentito del lungo periodo di chiusure, così come ringrazio Unioncamere Emilia-Romagna per il prezioso lavoro di coordinamento. L’incremento delle vaccinazioni, insieme alle prossime riaperture e il progressivo rientro dalle restrizioni – ha concluso Govoni – saranno elementi fondamentali per riportare condizioni di stabilità, essenziali per una ripresa integrale delle attività e per ricreare le condizioni sociali e di mercato in grado di incalzare la ripresa e favorire la competitività delle imprese.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *