Occhiobello: costituita la Fondazione “Franco Pellegrini” che supporterà la ricerca scientifica in medicina

E’ stata formalizzata nei giorni scorsi la costituzione della fondazione “Franco Pellegrini”: l’ente, che verrà iscritto al RUNTS (Registro Unico degli Enti di Terzo Settore), avrà sede a Occhiobello presso gli uffici della Casa di Cura “Santa Maria Maddalena” ed avrà lo scopo di favorire la ricerca scientifica nei campi della chirurgia generale, medicina generale, ortopedia, medicina del dolore e neurochirurgia, nonché di finanziare la formazione universitaria e post-universitaria nell’ambito delle scienze mediche.

A guidare la neonata fondazione sarà il Prof. Franco Pellegrini, attuale presidente della Casa di cura, che verrà coadiuvato da un consiglio di amministrazione formato da Adele Pellegrini e Maddalena Pellegrini. “Si aggiunge così un nuovo tassello alla storia della mia famiglia – spiega Franco Pellegrini – che ha sempre avuto la medicina nel proprio Dna essendo ormai giunta alla settima generazione di medici e professionisti nel mondo sanitario.

Abbiamo già in programma per il prossimo anno il finanziamento di una borsa di studio post-universitaria e la pubblicazione di diversi contributi scientifici frutto della quotidiana e qualificata attività medica svolta dalla casa di cura”. L’ambito operativo della fondazione “Franco Pellegrini” non sarà limitato al territorio del rodigino e del ferrarese e la dotazione finanziaria iniziale verrà poi implementata con il 5 per mille destinato agli enti che si occupano di attività socialmente rilevanti.

“Dopo aver festeggiato da poco i 70 anni dalla nascita della casa di cura Santa Maria Maddalena,  fondata da mio padre Francesco, ed aver da poco più di un anno inaugurato la nuova ala della struttura, che comprende i reparti di fisioterapia, il blocco operatorio con due ulteriori sale ed una nuova area di degenza – conclude Franco Pellegrini – abbiamo dato vita a questa nuova realtà: nelle prossime settimane si procederà quindi alla nomina di un comitato scientifico di alto profilo per dare, quanto prima, avvio alle iniziative ed ai progetti di ricerca e formazione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.