Oggi alle 17,30 nel Chiostro di S. Spirito, presentazione del quaderno ‘Giacomo Matteotti obiettore di coscienza’ di  Daniele Lugli

Oggi, martedi 28 settembre alle 17,30, nel chiostro di S. Spirito, vicolo Santo Spirito 11, verrà presentato il quaderno di Azione Nonviolenta ‘Giacomo Matteotti obiettore di coscienza’ di  Daniele Lugli, ne parlerà con l’autore Susanna Garuti, Camera del Lavoro CGIL di Ferrara, e Andrea Baravelli, docente di Storia contemporanea dell’Università di Ferrara, coordina  Anna Quarzi.

L’evento è organizzato, dall’ Istituto di storia, dal Movimento Nonviolento e dalla Camera del Lavoro di Ferrara.

Nel testo si mettono in risalto pensiero e azione di Giacomo Matteotti di coerente e strenua opposizione alle guerre, da quelle coloniali alla prima guerra mondiale, nella previsione anche delle sue gravi conseguenze pure in caso di “vittoria”. Per evitarle Matteotti propone le più forti e decise forme di boicottaggio e di contrasto. La pubblicazione del quaderno si deve al contributo delle Camere del Lavoro di Ferrara e Rovigo. Giacomo Matteotti è un fermo oppositore alla guerra, convinto che solo l’azione organizzata dei lavoratori possa evitarla, o almeno ridurne i danni nel suo corso e nel dopoguerra. Ferrara e Rovigo, uniti nel collegio elettorale, lo eleggono deputato nel 1919 e ne vedono l’agire infaticabile. All’opposizione alla guerra, a partire da quella libica, unisce l’opera culturale e organizzativa.

Giacomo Matteotti viene qualificato da Aldo Capitini  obiettore di coscienza e propugnatore di un’obiezione alla guerra generalizzata e diffusa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *