Benzinai dicono no al bancomat

benzina-soldi

Niente pagobancomat e carte di credito oggi presso i benzinai di tutta Italia. L’iniziativa, chiamata “No card day”, ha raccolto numerose adesioni anche a Ferrara.

Una giornata senza bancomat e carte di credito per protestare contro i costi delle commissioni bancarie: anche buona parte dei benzinai di Ferrara ha aderito all’iniziativa “No card day” organizzata dalla FIGISC Confcommercio nazionale (ovvero la Federazione Italiana Gestori Impianti Stradali Carburanti) e dalle altre organizzazioni del settore. “Il costo delle commissioni imposte dal sistema bancario è talmente alto da assorbire l’intero margine di gestione – spiegano in una nota – e da costringere di fatto gli operatori a scaricarne gli oneri direttamente sul prezzo al pubblico dei carburanti”.

La Federazione chiede che i costi delle commissioni bancarie vengano equilibrati sulla base delle movimentazioni, in quanto ormai i margini di redditività sono al ridicolo mentre i costi di esercizio sono letteralmente raddoppiati. La causa, secondo i gestori impianti Concommercio, sarebbero i provvedimenti emanati dal Governo che hanno finito per penalizzare piccole imprese, lavoratori e consumatori a vantaggio delle Banche e dei consorzi interbancari che gestiscono sostanzialmente in regime di oligopolio l’emissione e l’utilizzo delle carte di credito e del pagobancomat. Facendo un esempio concreto, il comunicato stampa evidenzia che il costo imposto ai Gestori italiani è complessivamente superiore all’1,5%, a fronte di un margine lordo inferiore al 2% del prezzo finale che per il resto viene intascato dallo Stato, in forma di accise ed IVA, e dalle compagnie petrolifere. Solo banconote, dunque, per l’intera giornata del 12 novembre, con un’adesione decisamente alta, soprattutto tra i piccoli imprenditori.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *