Ogm, Coldiretti: “Contrari sette italiani su dieci”

Gli italiani non sono favorevoli agli organismi geneticamente modificati, che considerano meno salutari di quelli completamente naturali. In sostanza, pensano che operare modifiche genetiche su prodotti vegetali destinati all’alimentazione, come il mais, la soia, il grano, ne comprometta la sicurezza. La pensa così il 69% degli italiani, secondo un sondaggio realizzato da Swg per conto di Coldiretti.

L’associazione, da sempre contraria agli OGM in agricoltura, osserva che, in realtà, la diffusione di organismi geneticamente modificati in Europa è ancora molto limitata.

In Europa sono coltivati con organismi geneticamente modificati appena 114.000 ettari di terreno, pari a molto meno di un millesimo della superficie agricola totale europea che è di 160 milioni di ettari. Inoltre – continua la Coldiretti – su un totale di 27 paesi europei sono solo 8 quelli dove si coltivano gli Ogm.

Ci sarebbe dunque uno scetticismo diffuso, in Italia e in Europa, nei confronti dell’OGM, che negli ultimi anni non si è modificato. Tanto è vero che la superficie agricola impiegata a OGM negli ultimi anni è rimasta costante nonostante – conclude Coldiretti – la pressione mediatica e lobbystica effettuata dalle multinazionali che negli OGM hanno concentrato imponenti interessi economici.

[flv]http://telestense-view.4me.it/api/xpublisher/resources/weebopublisher/getContentDescriptor?clientId=telestense&contentId=9f8a624f-6c89-4a82-bb61-96faad2d3394&channelType=STREAMHTTPFLASH[/flv]

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *