P.Castellina, contro il degrado arriva la Protezione Civile

castellina

Sabato sarà inaugurato un nuovo spazio per ospitare una seconda sede del Coordinamento di Volontariato. Il locale è stato affittato gratuitamente grazie a un cittadino che crede nella riqualificazione del quartiere.

Per combattere il degrado nella zona della stazione arriva anche la Protezione civile. Da sabato infatti, con una cerimonia di voluta dall’amministrazione comunale e che si terrà alle 11,30, nei locali di via Nazaria Sauro, 2, in Piazza Castellina, sarà infatti inaugurata la nuova casa del Coordinamento delle associazioni di volontari della Protezione Civile.

Una nuova sede concessa a comodato gratuito da un ferrarese, Gabriele Gonelli. L’immobile era di proprietà della moglie, Giuliana Galavottti. In sua memoria – e d’accordo con i figli – Gonelli ha deciso di concedere l’uso gratuito dello stabile al Comune affinché in quella zona gli immobili tornino a valere qualcosa e il quartiere ritorni ad essere un bel biglietto da visita per chi arriva in città, uscendo dalla stazione ferroviaria.

Il sindaco infatti ha ribadito che questo è un segnale per dire che l’amministrazione intende riappropriarsi di quel quartiere. Chiede tuttavia che ognuno faccia la propria parte: i comitati sorti nell’ultimo periodo, i cittadini stessi che lì abitano e anche gli amministratori di condominio.

Centometri quadri per 650 volontari che soprattutto in quel nuovo locale faranno attività di formazione ma non solo. Il braccio operative della protezione civile invece continuerà ad avere sede in via Marconi.

[flv image=”https://www.telestense.it/img-video/protezione civile.jpg”]rtmp://telestense.meway.tv:80/telestense_vod/23012014_protezione.mp4[/flv]

Un pensiero su “P.Castellina, contro il degrado arriva la Protezione Civile

  • 24/01/2014 in 11:10
    Permalink

    Sig. Sindaco, i cittadini hanno già fatto la loro parte segnalandole i locali e mettendola in comunicazione col proprietario, oltre che sollecitandola con pedalate e articoli sul giornale a non considerare le proteste solo percezioni soggettive. Questa non è un’iniziativa spontanea del comune!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *