Pakistano arrestato con 2 etti di eroina

Più di 2 etti di eroina suddivisi in 26 ovuli nascosti tra i cartoni vuoti del latte e tra la spazzatura, per eludere i controlli.

Ecco cosa hanno trovato ieri pomeriggio gli uomini della squadra mobile in un casolare in via Simone a Poggio Reantico.

A finire nei guai uno degli uomini di origine pakistana che ci abitano.

Muhammad Bilal, 23enne già conosciuto alle forze dell’ordine per reati legati allo spaccio di droga, è finito in carcere a Ferrara accusato del reato di detenzione e vendita di sostanze stupefacenti.

Gli uomini della mobile, mentre stavano perlustrando Poggio Renatico contro gli atti di sciacallaggio dopo il sisma, qualche giorno fa avevano notato il giovane per il suo fare sospetto.

Così lo hanno seguito fino a casa dove hanno trovato i due etti di eroina, secondo gli agenti di una qualità purissima.

Gli inquirenti stanno indagando anche sul giro di droga, perché il giovane sembrerebbe essere un intermediario tra le grandi quantità di droga che arrivano dall’estero e lo smercio della singola dose in strada.

Secondo il capo di gabinetto della Questura di Ferrara, Pietro Scroccarello, “i casolari isolati nelle campagne ferraresi si prestano bene all’occultamento della droga, soprattutto quando si tratta di quantità importanti”.

Questa mattina era attesa la convalida dell’arresto del giovane, che era già agli arresti domiciliari.

[flv]http://telestense-view.4me.it/api/xpublisher/resources/weebopublisher/getContentDescriptor?clientId=telestense&contentId=2ad69fd3-4242-4638-9121-2d363201e975&channelType=STREAMHTTPFLASH[/flv]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *