Palaspecchi, la Lega chiede se siano mai stati versati i tributi comunali dell’immobile

palazzo-specchi2

La questione palazzo degli Specchi arriva in consiglio comunale, in occasione del Question time, il consiglio superveloce fatto di domande e risposte immediate che si terrà giovedì 17 dicembre.

La questione viene sollevata dalla Lega Nord, attraverso il consigliere Giovanni Cavicchi che presenta un question time relativo alle azioni di recupero dei tributi comunali per quanto riguarda proprio l’immobile di Palazzo degli Specchi. A Lega Nord infatti, dopo un accesso agli atti scaturito dopo alcune dichiarazioni rese pubblicamente nei mesi scorsi dallo stesso sindaco, Tiziano Tagliani nell’incontro pubblico fra Lega Nord e l’amministrazione comunale per la questione sicurezza all’interno del Palaspecchi, risulterebbe che la proprietà dell’immobile non abbia mai pagato i tributi comunali.

Secondo il partito del Carroccio nel corso di quell’incontro infatti sarebbe emerso che la società che è proprietaria dell’immobile, la Parsitalia di Roma, della stessa famiglia di costruttori immobiliari romani Parnasi, non avrebbe mai versato Ici e tassa sui rifiuti dall’atto dell’acquisto dello stesso Palaspecchi, e cioè dal 2008 fino ad oggi.

“Un ammanco all’erario – fa presente la lega Nord per voce del suo esponente, Nicola Lodi – che potrebbe essere calcolabile in centinaia di migliai di euro”. Per tale motivo, il consigliere Cavicchi nel suo question time chiede se è vero che la proprietà non ha mai versato i tributi comunali e se ciò corrispondesse al vero a quanto ammonterebbe la somma non versata all’erario del Comune. Il question time che arriva a pochi giorni dal termine ultimo della firma annunciata dalla stessa amministrazione comunale con la nuova ati, l’associazione temporanea d’impresa, fatta da Artigianacassa, Acer e lo stesso Comune di Ferrara, affinché l’immobile sia recuperato e ristrutturato, dovrebbe tenersi entro il 31 dicembre. Per quella data infatti l’ati si accollerebbe la spesa dell’immobile ancora di proprietà di Parsitalia che ammonta a circa 60milioni di euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *