Palazzo Massari: il blocco del cantiere rinvia la ripresa dei lavori e quindi la riapertura

Palazzo Massari, gioiello dell’architettura ferrarese, futuro prestigioso polo museale della città, è chiuso al pubblico dal 20 maggio 2012, quando le scosse del terremoto che colpì, all’alba di quella domenica di maggio, una lunga fascia dell’Emilia occidentale, Ferrara compresa, danneggiarono abitazioni , fabbriche e capannoni, chiese e numerosi monumenti.

Oggi, Palazzo Massari,  dopo una chiusura di 4 anni e un cantiere che in due anni o poco più ha realizzato importanti opere di messa in sicurezza del palazzo, è un cantiere bloccato, in stand by per la sospensione imposta dal Mibac al progetto che riguarda la rivisitazione architettonica di due ali esterne del Palazzo.
Una sospensione, che ritarderà l’apertura del Palazzo, destinato con la palazzina dei Cavalieri di Malta, e l’apertura sull’area verde del Parco Massari a fare di quest’area un polo museale di straordinaria bellezza e valore artistico, contenitore del Museo dell’800, dei Musei Boldini e De Pisis, del Museo del ‘900 e del Museo Antonioni.

Ne abbiamo parlato, nel corso di una visita al cantiere bloccato e silenzioso, con l’architetto Natascia Frasson, dirigente del Servizio Beni monumentali e Centro Storico del Comune di Ferrara, con cui abbiamo iniziato un tour nei cantieri di messa in sicurezza post sisma, di alcuni prestigiosi monumenti del centro storico cittadino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *