Palio, cresce l’attesa per le gare di Piazza Ariostea

Mancano solo due giorni al momento più atteso del Palio di Ferrara, le corse di Piazza Ariostea. Oggi prime visite per i cavalli, domani e sabato le prove, e sempre domani sera la Benedizione dei Palii e dei Ceri in Duomo.

Sul sito web del Palio di Ferrara è stato impostato il conto alla rovescia per le ore 16 del 28 maggio, quasi a ribadire che il momento più atteso è proprio quello delle Corse di Piazza Ariostea in programma questa domenica.

Ieri i cavalli delle 8 contrade, un primo e un secondo cavallo per ciascuna, sono stati sottoposti alle visite mediche. Venerdì e sabato, scenderanno in pista alle 10 e alle 18 per le prove obbligatorie prima della sfida di domenica in cui si daranno battaglia per conquistare il drappo più ambito, il Palio di S. Giorgio. I primi correre nell’anello della Piazza saranno i putti, poi le putte, le asine e infine i cavalli.

Sabato scorso i campioni che si sfideranno per i quattro Palii, che venerdì sera verranno benedetti in Cattedrale, nella tradizionale cerimonia della benedizione dei Palii e dei Ceri, sono stati presentati alla città da ogni contrada.

I fantini di questa edizione hanno già corso tutti almeno una volta per una delle contrade del Palio di Ferrara. C’è chi è solo alla seconda esperienza estense, come Enrico Bruschelli con il suo esordiente Osama Bin, che gareggia per S. Spirito come aveva fatto già nel 2015. C’è anche chi però è un veterano della manifestazione cittadina, come Alessio Migheli, che torna a gareggiare per S. Giovanni, per cui l’anno scorso ha vinto il Palio di S. Giorgio, ma con un cavallo esordiente, Querino. Migheli è al suo ottavo Palio di Ferrara. Ottava esperienza anche per Francesco Caria, che indossa per il secondo anno consecutivo i colori del Rione S. Paolo sull’esordiente Rodrigo Baio. Correrà invece il suo quinto Palio Simone Mereu, per il terzo anno consecutivo scelto da S. Giorgio su un cavallo che in Piazza Ariostea ha già corso, Pressing de Mores. Indosserà per la quarta volta i colori giallo viola di S. Maria in Vado invece Walter Pusceddu con lo stesso cavallo del 2016 Quella Rosa.

S. Benedetto invece si affiderà a Adrian Topalli su Spartaco da Clona, entrambi l’anno scorso avevano corso per S. Spirito. S. Giacomo invece ha scelto lo stesso fantino del 2016, Massimo Columbu, che monterà il cavallo vincitore della passata edizione ovvero Bomario da Clodia. Infine S. Luca schiererà Alberto Ricceri, al suo terzo Palio, su Quattro Mori che nel 2015 aveva corso per S. Spirito.

L’ultima giornata di Palio inizierà con il corteo delle 8 contrade, 70 figuranti per ciascuna, che alle ore 15 partirà dal Cortile del Castello Estense, percorrerà Corso Ercole I D’Este, Corso Porta Mare poi entrerà nell’anello di Piazza Ariostea dove subito dopo avranno inizio le gare. Una manifestazione che come sempre Telestense seguirà in diretta con le proprie telecamere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *