Palio Ferrara ’22: cavalli (al fotofinish), putti e putte a S.Giacomo. Asine a S.Spirito – VIDEO

Il Palio di Ferrara è tornato con l’evento più atteso, le corse in piazza Ariostea.

La corsa dei cavalli (Palio S.Giorgio), partita poco dopo le ore 20 dopo più di un’ora di false partenze e attese, alla fine è andata a San Giacomo. Gara al fotofinish, rimonta di San Giacomo su San Giorgio negli ultimi metri. Il fantino Francesco Caria detto Tremendo in sella al cavallo Bagoga Arsenico Lupin hanno anticipato di qualche millimetro San Giorgio. Tanta tensione alla fine per capire il vincitore, diversi minuti di attesa per rivedere le immagini. Infine il responso in favore dei colori giallo-blu.

Tripletta quindi per la contrada di San Giacomo.

La corsa dei putti Palio se l’è aggiudicata Andrea Pedrazzi e il Palio di San Romano ai colori giallo-blu.

La corsa delle putte, il Palio San Paolo, se lo è aggiudicato Alice Simani sempre per San Giacomo.

Corsa delle asine, dopo più di 40 anni il Palio di San Maurelio è tornato a Santo Spirito con la gara delle asine vinta dallo staffiere Thomas Bresciani in sella a Serafino.

Dopo una serie di false partenze i colori giallo-verdi hanno prevalso.

“Ritrovare il pubblico, lo spettacolo, rivivere l’appuntamento del Palio è un grande momento e un grande segno di ripartenza nel segno della tradizione”.

Così il sindaco Alan Fabbri, oggi pomeriggio in piazza Ariostea per la celebre corsa di “putti, putte, asine e cavalli”, culmine delle celebrazioni del Palio, dopo due anni di pausa a causa della pandemia.

“E’ il mio primo Palio da sindaco e non nascondo l’emozione di vivere questo momento storico. Ringrazio il presidente dell’Ente Palio di Ferrara Nicola Borsetti, il vicesindaco Nicola Lodi, tutte le contrade, la Corte Ducale. È un momento di ritrovata socialità, che segna anche il perpetuarsi di una tradizione che affonda nel XIII secolo, a dimostrazione del fatto che niente può spezzare radici e identità di un popolo più forte di ogni imprevisto e di ogni calamità”. E ieri il vicesindaco Lodi, con Borsetti e il presidente del Comitato Organizzatore Romano Marzola hanno partecipato alle tradizionali “cene propiziatorie”, con un tour tra le otto contrade e la Corte ducale. “Il Palio è Ferrara e Ferrara è il Palio. È questa una grande famiglia che quest’anno più che mai ci fa riscoprire e apprezzare il piacere dello stare insieme e della socialità. Grazie a chi, con noi, ci ha creduto, mettendo a punto una piazza stupenda, con straordinaria cura dei dettagli. Lo spettacolo oggi si unisce al piacere e al senso di libertà che ci dà il ritrovare un appuntamento tradizionale dopo due anni di forzato stand by”, ha detto Lodi. Fabbri e Lodi – nel corso delle gare – hanno anche incontrato la delegazione della città gemellata di Kaufbeuren, guidata dal Burgermeister tedesco Stefan Bosse.

2 pensieri riguardo “Palio Ferrara ’22: cavalli (al fotofinish), putti e putte a S.Giacomo. Asine a S.Spirito – VIDEO

  • 29/05/2022 in 23:13
    Permalink

    Spero vivamente che, al più presto, venga approvata una legge che vieti ogni manifestazione/spettacolo che coinvolga animali

    Rispondi
    • 30/05/2022 in 14:48
      Permalink

      L’uomo ha sempre lavorato con animali vivi,rispettandoli e amandoli. Non vedo che male ci sia se giocano anche assieme.
      Patrizia

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.