Pallamano: l’Handball Estense chiude a Prato

HBgroup

Termina la serie A maschile, i biancazzurri vogliono chiudere in bellezza

Cala il sipario sulla regular season del campionato maschile di pallamano con la SGM impegnata nell’ostica trasferta abruzzese di Teramo contro la terza in graduatoria matematicamente ai playoff scudetto. Teramo è stata la parentesi più dolorosa della positiva stagione dei biancoazzurri; un -20 a domicilio inflitto dagli abruzzesi ai ragazzi di Ribaudo che non trova alcuna spiegazione logica se non nella più tipica delle giornate storte. Se Ferrara giocò male, non va tolto il grande merito alla formazione ospite, che espresse un gioco veloce e concreto in tutti i reparti, il tutto condito da una prestanza atletica invidiabile. Il Teramo di oggi è profondamente cambiato; nel periodo natalizio se ne è andato il terzino Pagano -approdato alla corazzata Fasano- e notizia di questi giorni, fresca fresca, il cambio della guida tecnica con il clamoroso abbandono di Marcello Fonti indiscusso fautore dei successi teramani e la sua sostituzione con un mostro sacro della pallamano italiana, nonchè allenatore della nazionale, Franco Chionchio. Pure lo straniero Nikocevic ha lasciato la squadra per accasarsi in Svizzera. Al di la delle voci di ipotetiche crisi societarie e di questi cambiamenti, alla SGM spetta il compito di riscattare l’indefinibile prova dell’andata e di proseguire il proprio cammino di crescita in ottica poule retrocessione. Il campo è notoriamente difficile e nonostante i cambiamenti, Teramo rimane fuori dalla portata dei biancoazzurri e fare punti oggi è praticamente impossibile. Ribaudo recupera Stabellini comprensibilmente non ancora in condizione ottimale e pertanto verrà utilizzato con il contagocce, ma perde Succi costretto a rimanere a Ferrara per motivi di lavoro e Alex Hristov ancora malconcio dopo la lotta con i colossi di Ambra. Resca che ha svolto sedute di allenamento differenziate per tutta la settimana dovrebbe essere comunque a disposizione. Nonostante ciò, il tecnico estense chiede ai suoi una prova gagliarda e di carattere, puntando ancora una volta sulla “vena giovane” della squadra composta da Momo Sacco, Vesse Hristov e Nardo. Si gioca alle 18.30 con la direzione arbitrale di Amendolagine e Potenza. Il campionato si chiude con i giochi praticamente fatti essendo già definite le prime quattro che disputeranno i playoff (Carpi prima, Ambra e Teramo si giocano la seconda piazza, mentre Romagna è sicura quarta) e così pure è definita la griglia playout ad eccezione di Casalgrande e Bologna che si giocano la settima posizione, con Ferrara e Ancona sicure quinta e sesta, Farmigea nona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *