‘Paradiso’ debutta in Emilia Romagna al Teatro Comunale di Ferrara: la Compagnia Virgilio Sieni domani sera alle 20,30

‘Paradiso’ della Compagnia Virgilio Sieni debutta in Emilia Romagna domani sera  alle 20,30 al Teatro Comunale di Ferrara con la regia, coreografia e spazio di Virgilio Sieni.

Lo spettacolo è “la costruzione di un giardino e non riporta la parola della Divina Commedia – spiega il coreografo, tra i protagonisti della scena contemporanea internazionale – non cerca di tradurre il testo in movimento, ma si pone sulla soglia di una sospensione, cerca di raccogliere la tenuità del contatto e il gesto primordiale, liberatorio e vertiginoso dell’amore. Danza dialettale che si forma per vicinanze e tattilità”. Lo spettacolo si inserisce nelle celebrazioni per il 700° anno dalla morte del sommo poeta.

Vendita in biglietteria (ore 10–12,30 e 16–19. Nel giorno di programmazione aperta sino a inizio spettacolo) e on line sul www.teatrocomunaleferrara.it e su www.vivaticket.it.

Paradiso ha debuttato a Napoli lo scorso 25 settembre, è stato al Teatro Sperimentale di Pesaro e ora sarà per la prima volta in Emilia Romagna. Su Paradiso: “Il Paradiso di Dante – spiega Virgilio Sieni – ricompone il corpo secondo una lontananza che è propria dell’aura, un luogo definito dal movimento, da ciò che è mutevole. Un viaggio che si conclude nello spazio senza tempo della felicità. Il cammino di Dante – per il coreografo – non è assimilabile a niente, pura invenzione di una lingua inappropriabile che si trasforma in molecole di dialetto e oralità, gesto sospeso e luccicanze improvvise”. È un cammino “dall’umano al divino, dal tempo all’eterno”.

Il Festival di Danza Contemporanea si chiude sabato 6 novembre ore 20,30 con la prima italiana di Blasphemy Rhapsody (ICK Dans Amsterdam) che vede l’ideazione e la coreografia di Emio Greco e Pieter C. Scholten e si basa sul concetto di perseveranza che accomuna Charleston e Pizzica, sottomissione al ritmo, la gioia e la tragedia, insieme. Un invito ad abbracciare la mutabilità della vita.

(Ph. Renato Esposito)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *