PARMA – SPAL a porte chiuse

E’ arrivata la comunicazione ufficiale del Ministro Spadafora

Con l’intervento del Ministro Vincenzo Spadafora, nel corso del Consiglio Nazionale del Coni, è giunta la certezza che Parma-Spal, in programmma domenica alle 15.00, allo stadio Ennio Tardini, si giocherà a porte chiuse. Senza la presenza di pubblico si disputeranno anche Milan-Genoa, Sassuolo-Brescia, Sampdoria-Verona e l’attesissimo scontro al vertice Juventus-Inter. Spadafora ha confermato che saranno giocate tutte le gare del campionato di Serie A. A porte chiuse quelle nelle regioni Piemonte, Lombardia, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Liguria ed Emilia-Romagna. Il ministro ha comunque precisato che spetta a Leghe e Federazioni decidere se giocare a porte chiuse, oppure rinviare le partite. Obiettivo, ha anche sottolineato Spadafora, è, dopo l’1 marzo, se il virus resterà circoscritto alle zone in cui attualmente è stato individuato, ridurre le aree in cui resterebbe in vigore il provvedimento da regionali a provinciali o comunali. In questo caso Spal-Cagliari del 7 marzo si disputerebbe a porte aperte. Nel frattempo il Giudice Sportivo ha uffcializzato la squalifica di un turno per Strefezza. Per la gara di Parma Di Biagio avrà invece a disposizione Dabo e Vicari, già in panchina con la Juventus e D’Alessandro, che sabato scorso è rimasto in campo per una sessantina di minuti nella gara che ha visto la Primavera sconfitta 3 a 1 sul campo del Milan. Ancora in dubbio invece il recupero di Cerri, che, dopo il lungo stop, non potrà sicuramente essere inserito nella formazione iniziale.
Fino a domenica 1 marzo, sospesa tutta l’attività giovanile e femminile della Spal, compresi gli allenamenti. In campo solo la Primavera e i ragazzi ospiti del convitto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *