I sindaci di Comacchio e Cento entrano nel partito di Pizzarotti

toselli
Fabrizio Toselli

Si è tenuta a Bologna, ieri, la firma per realizzare lo statuto fondativo.

Perché l’idea di farlo nascere appartiene a un sindaco emiliano-romagnolo, il primo cittadino di Parma, Federico Pizzarotti che con il sindaco di Cerveteri, Alessio Pascucci hanno avuto l’idea di fondare un nuovo partito che si chiama Italia in Comune.

Un partito che si pone come obiettivo quello di raccogliere tutti i sindaci civici come l’ex Cinque Stelle e di nuovo confermato sindaco di Comacchio, Marco Fabbri e il sindaco di Cento, ex primo cittadino di Sant’Agostino nelle file di Forza Italia, Fabrizio Toselli eletto nella città del Guercino con i voti del Pd e che ha vinto rispetto al candidato della Lega, Diego Contri.

Marco Fabbri
Marco Fabbri

Fra i primi sindaci che hanno aderito al nuovo partito infatti c’erano proprio Marco Fabbri e Fabrizio Toselli che hanno firmato per il nuovo partito che guarda sia a destra che a sinistra sulla base di un programma e una struttura che ha come obiettivo la concretezza dell’amministrazione comunale.

“Italia in Comune, che è nella sua fase costituente nazionale, si consolida anche nella nostra regione. A Bologna mi sono incontrato con i sindaci di Budrio, Comacchio e Cento, più altri 20 amministratori locali”. Scrive, sulla sua pagina Facebook, il primo cittadino di Parma, Federico Pizzarotti.

“La nostra – continua Pizzarotti – è una visione totalmente indipendente e autonoma rispetto alla politica attuale: ragioniamo sugli obiettivi da raggiungere e sui programmi da costruire”. Questo, osserva ancora il sindaco di Parma che aggiunge: “Lo facciamo unendo le varie esperienza civiche che in Emilia Romagna si sono dimostrate vincenti e al servizio delle città. Leggo dichiarazioni scomposte da parte di segretari di Lega e Pd, evidentemente – chiosa – il nostro progetto sta cogliendo nel segno”.

Il consigliere regionale del Pd e ferrarese Paolo Calvano ha già manifestato un’apertura ad Italia in Comune, così come il consigliere comunale di Ferrara di Forza Italia, Vittorio Anselmi che in un post su facebook al suo partito manda a dire: “Credo che questo passaggio sia essenziale se si vuole sopravvivere”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *