PD Ferrara: “Ferrara c’è !”

Apre alla Rivana la festa del PD.

Nel logo della festa è contenuto il significato di questa prima festa provinciale del Pd che ieri si è aperta alla Rivana con gli interventi dei due segretari, regionale Stefano Bonaccini e provinciale, Paolo Calvano.

Ferrara c’è nonostante le scosse sismiche, il Pd a Ferrara c’è nonostante il terremoto dell’antipolitica, che ha portato il Movimento a 5 Stelle a raccogliere consensi inauditi nelle ultime amministrative proprio in Emilia Romagna. Per Bonaccini le circa 400 feste del Pd in Emilia Romagna stanno ad indicare che nonostante lo scarso indice di gradimento generalizzato, c’è chi crede nel ruolo dei Partiti ed è disposto a lavorare per realizzare il confronto interno sui problemi del Paese e stimolare i lprocesso democratico.

Non si può negare che anche il Pd, dice Bonaccini, abbia dovuto pagare uno scotto importante al  vento dell’antipolitica,  ma nelle ultime elezioni la vittoria del Movimento a 5 stelle a Comacchio e a Parma,  sancisce uno scontento legato a due comuni commissariati dopo il fallimento del Centro Destra.

Per Paolo Calvano, che ha aperto ieri nello spazio aperto della  Rivana a Ferrara la festa provinciale del Pd, obiettivo della Festa è rimarcare la volontà di Ferrara di ripartire dopo il terremoto, una ripresa, che il Pd intende sostenere  attraverso le sue iniziative e la sua politica.

Sul dibattito interno al partito e l’ipotesi delle primarie, Calvano precisa che per ora non è stato fissato nulla, l’importante è dice, non avviare troppo presto divisioni interne e tifoserie . Ciò che serve, aggiunge, quando ci saranno le primarie, è che ci si confronti sui problemi gravi e urgenti del Paese, per poi unirci tutti attorno alla guida di chi otterrà la maggioranza dei consensi interni.

[flv]http://telestense-view.4me.it/api/xpublisher/resources/weebopublisher/getContentDescriptor?clientId=telestense&contentId=3d948029-dfe4-48ee-9568-34f29c8118bf&channelType=STREAMHTTPFLASH[/flv]

Un pensiero su “PD Ferrara: “Ferrara c’è !”

  • 17/07/2012 in 4:01
    Permalink

    Sono un esodato in cv .la Fornero ci fa’ sentire il panico e l’incertezza sul futuro quasi come ai residenti delle zone colpite dal terremoto

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *