Pensionati in Italia: sotto i 1000 euro

pensioni

E’ un panorama poco edificante quello che emerge dagli ultimi dati Istat relativi ai pensionati italiani. Nel 2011, il 44% della categoria ha percepito meno di mille euro al mese, un dato preoccupante, rincarato dal fatto che la spesa per le pensioni è salita del 2,9% sebbene i pensionati stessi siano stati 38.000 in meno rispetto all’anno precedente. Scorporando il dato, è in particolare il 13% della popolazione – per la maggiorparte donne – che vive in condizioni drammatiche, con sussidi inferiori ai 500 euro, tali da limitare pure gli acquisti di base e da impedire il sostegno di un’eventuale spesa imprevista. La fotografia dell’Istat non ha risparmiato forti critiche da parte delle associazioni di categoria. Secondo il Codacons questi dati mettono sotto gli occhi di tutti “un popolo di affamati, persone che non ce la fanno a vivere dignitosamente e che sono costrette a ridurre il quantitativo di cibo acquistato”. La richiesta è che le pensioni vengano adeguate almeno al reale aumento del costo della vita, considerato che un pensionato ha molte più spese obbligate rispetto agli altri e concentra la gran parte dei propri investimenti in alimentari e bollette. L’associazione nazionale pensionati della Cia-Confederazione italiana agricoltori, inoltre, rincara la dose sostenendo che sono gli anziani residenti nelle aree rurali a scontare di più i pesanti effetti della crisi. Alle pensioni mediamente più basse si aggiunge la carenza strutturale di servizi sociali e i recenti tagli alla sanità. Dati che evidenziano per l’ennesima volta, l’esigenza di una maggiore stabilità politica che possa portare i propri benefici anche in ambito economico.

%CODE%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *