Salma “dispersa”, tutto risolto

Da dieci giorni aveva perso le tracce della salma del fratello in attesa di cremazione, per questo si era rivolto agli organi di informazione, ed oggi sono arrivate da Ferrara le risposte

A lanciare l’allarme è stato un consigliere comunale di Pistoia, Fabrizio Geri; l’impianto del comune toscano non funziona da alcuni mesi per cui la salma del fratello Luciano, lo scorso 13 aprile, è stata trasferita a Ferrara per essere cremata. “Il feretro è arrivato presso l’Amsfec il venerdì pomeriggio, la cremazione è avvenuta la mattina dopo –spiega Stefano Lucci, direttore operativo dell’Amsefc di Ferrara. Le ceneri sono a disposizione da lunedì 16 aprile, ma nessuno è venuto a ritirarle”.

Il consigliere comunale, che se la prende con gli amministratori pistoiesi: si chiede se alla base di tutto ciò non vi sia “una guerra tra più soggetti che si vogliono impadronire di una sorta di monopolio: quello delle cremazioni di Pistoia, visto che la chiusura dell’impianto, spiega Fabrizio Geri è solo una questione di burocrazia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *