PFF: passeggiata con l’Alpo

Veronesi travolte, 84 a 35

Rosset2La Pff Group schianta l’Ecodent Alpo in una partita di fatto mai esistita per 84-35 e consolida il secondo posto in classifica, in attesa dello scontro diretto di domenica prossima ad Ariano Irpino. Brave le biancorosse a mettere subito la gara sui giusti binari ma probabilmente le veronesi sono già appagate
del campionato comunque positivo sino ad ora disputato e le diverse motivazioni
fanno la differenza. La cronaca. Fin dalla palla a due la scelta di Alpo di schierarsi a zona non paga e la Pff Group ha immediatamente vita facile. Rosset é ispirata da tre punti (11 punti per lei nel primo quarto), le lunghe dominano a rimbalzo e allora nemmeno le rotazioni delle ospiti fermano Ferrara che alla prima sirena é addirittura sul +19, 29-10. Ci si aspetta una reazione nervosa da parte delle ospiti che invece non arriva e anzi, se possibile, peggiorano ulteriormente il rendimento in campo. Appena due punti segnati nel secondo periodo per le veronesi e Pff Group che chiude sul 44-12 il primo tempo
(davvero impressionante il 5/28 dal campo dell’Ecodent). Ne approfitta Iurlaro per dare spazio anche alle giocatrici sinora meno impiegate e D’Aloja insieme a Missanelli
giocano minuti importanti. Nemmeno dalla pausa lunga trae giovamento la squadra ospite che, nel terzo quarto, continua a subire l’iniziativa biancorossa. Rulli è un fattore ma in realtà tutte le giocatrici chiamate sul parquet da Iurlaro danno il proprio contributo e al 30′ la partita è abbondantemente decisa, 69-24. In un quadro del genere non stupisce che gli
ultimi dieci minuti di partita si trasformino in un lunghissimo ‘garbage-time’. Iurlano risparmia le proprie ‘senatrici’ ma le giovani non fanno mancare il proprio contributo e la gara si chiude sul significativo 84-35.

I tabellini:
Pff Group Ferrara 84: Rosier 11, D’Aloja 5, Cecconi, Rulli 16, Pocaterra 2, Aleotti 11, Rosset 20, Miccio 14, Missanelli 4, Bertaccini, Mini 1; All.
Iurlaro
Ecodent Alpo 35: Toffali, Borsetto 5, Rossi 2, Ruffo, Zanella 4, Bottazzi 6, Pavanello 5, Zanardelli 1, Fumagalli, Carraro 6, Terenzi 4, Monica 2; All. Soave
Tiri liberi: Ferrara 17/19, Alpo 5/14
Parziali: 29-10, 44-12, 69-24, 84-35
Davvero sorprendente la facile affermazione della Pff Group contro Alpo per 84-35. In fondo l’Ecodent aveva sinora sempre fatto sudare le biancorosse e ci
si aspettava maggiore resistenza. Invece le ospiti di fatto non sono mai
entrate in campo e il divario al 10′ (29-10) è risultato una montagna troppo
alta da scalare per l’Ecodent che ha continuato a soccombere sotto i colpi
inferti da Mini e compagne. Ne é derivato un gap davvero enorme alla sirena
finale, +49 per le biancorosse, utile non tanto per le statistiche quanto
piuttosto perché ha consentito a Iurlaro ampie rotazioni e quindi di
risparmiare le proprie atlete. La settimana che va ad iniziare è quella
decisiva per la Pff Group perché all’orizzonte si profila lo scontro decisivo
di Ariano Irpino. Chi uscirà vincitore dal match ad alta tensione in terra
campana sarà in pole position per conquistare la finale per la A1 e basta
questa premessa per immaginare il carico di tensione ed emozione che
accompagnerà le biancorosse nei prossimi giorni. Compito di Iurlaro sarà
preparare al meglio la gara, sia dal punto di vista tattico che mentale, mentre
lo staff sanitario proverà il recupero in extremis di Nori. La lunga romagnola
ha ripreso a correre ma il dolore alla caviglia è ancora presente. Al momento
le possibilità che possa rientrare non sono più del 30%, anche perché la
società biancorossa vuole tutelare la salute della giocatrice e non forzare un
ritorno in campo prematuro. Certamente anche solo il fatto di averla a
disposizione allungherebbe le rotazioni della Pff Group, che avrà bisogno del
miglior contributo da parte di tutte per avere la meglio su Ariano. La partita
dell’andata aprí la ‘mini-crisi’ delle estensi che probabilmente dovevano
ricaricare le pile dal punto di vista nervoso. Quella sconfitta e la successiva
con il Geas potevano aprire una crepa decisiva nelle ambizioni ferraresi e
invece il gruppo di Iurlaro è stato bravo a riguadagnarsi il diritto di poter
giocare una partita decisiva di questo livello. Ora la parola passa al parquet
e Ferrara, con la consapevolezza di una stagione già positiva, cercherà di
impreziosirla ulteriormente con la più la più classica ciliegina sulla torta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *