PFF: passo indietro

Nonostante il successo, 57-42, su Bologna

Rosset2 Alti e bassi nelle prestazioni sono quanto di più normale possa capitare in fase di preparazione. Gambe stanche e poca lucidità giocano brutti scherzi anche alle più talentuose atlete, eppure la Pff Group che è scesa in campo l’altra sera contro il Progresso Bologna delle tante ex proprio non è piaciuta. Al di là del punteggio che ha visto le biancorosse prevalere per 57-42, vincendo tre quarti su quattro, staff e dirigenza non hanno gradito l’apparente leggerezza con cui Miccio e compagne sono scese in campo. Nei primi dieci minuti caratterizzati da grande equilibrio Ferrara ha guidato sino all’11-9, segnando però la grande parte dei punti grazie ai tiri liberi di una Nori ispirata. Il secondo periodo ha visto entrare in partita almeno Bona, mentre le play estensi continuavano a soffrire l’indemoniata Mini. Il 14-8 che ne è risultato è maturato grazie a una serie di piazzati dal perimetro della lunga di Stibiel, frutto più del talento che dell’organizzazione di gioco. Emblematico il dato che vedeva dopo venti minuti Rosset, Innocenti e Miccio a sei punti complessivamente, con appena due portati alla causa dal trio Rossi, Savelli e Missanelli che sale dalla panchina. Dopo la pausa, qualche lampo di reazione si è visto ma in generale la Pff Group ha continuato a faticare contro la fisicità della formazione ospite, magari senza tanti punti nelle mani ma decisa a vendere cara la pelle. La terza sirena ha consegnato alle statistiche un periodo chiuso sul 18-9 per Miccio e compagne che sembrava spianare a un cammino in discesa. Pia illusione perché la scelta della zona da parte di Bologna ha mandato fuori giri ancora di più l’attacco biancorosso. La sola Rosset ha centrato la retina dalla lunga distanza e con le unghie e con i denti le biancoblu felsinee si sono aggiudicate con merito l’ultimo parziale, 14-16. Insomma un parziale stop nel processo di crescita del gruppo di Stibiel (orfano comunque di Rulli) che va accolto senza fare drammi ma che impone una veloce crescita e maturazione di Miccio e compagne. I tabellini: Nori 9, Rossi 6, D’Aloja 5, Cecconi, Salvadego, Innocenti 2, Rosset 8, Miccio 4, Savelli 3, Nako Moni 2, Missanelli 3, Bona 15; All. Stibiel. Parziali 11-9, 14-8, 18-9, 14-16.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *