PGF: a Napoli senza Kovton

Il forte atleta ucraino non è nello spirito giuto per gareggiare pensando alla situazione del suo Paese

Il conflitto Russia Ucraina purtroppo ha avuto delle ricadute anche sul nostro campionato di serie A di Artistica maschile. Poca cosa in confronto alla tragedia della guerra, ai morti ed alle distruzioni. La presenza in alcune delle squadre partecipanti al Campionato di ginnasti ucraini e russi ha creato problemi soprattutto dopo la decisione del CIO di vietare la partecipazione di russi e bielorussi a competizioni internazionali. Si potrebbe disquisire a lungo sulla cosa, sui valori dello sport, sul suo ruolo di unione e non di divisione sulla sua autonomia dalla politica. E al riguardo le opinioni sarebbero diverse, purtroppo anche a seconda degli interessi in gioco. Anche nei campionati in Germania e in Francia si sono posti gli stessi problemi e lì le decisioni sono state diverse rispetto all’Italia. La Palestra Ginnastica Ferrara non ha assunto posizioni ufficiali al riguardo per non alimentare polemiche, fedele alla sua consueta linea di comportamento. Al primo anno in serie A1 la società estense ha conquistato il diritto a partecipare alla final six del prossimo 21 e 22 maggio a Napoli dove le sei migliori squadre della massima serie si contenderanno il titolo di
Campione Italiano 2022. Purtroppo Illia Kovtun, il forte ginnasta ucraino tesserato per la PGF, non sarà in gara. Rispetta le disposizioni impartite al riguardo a tutti i suoi tesserati dalla Federazione Ucraina di Ginnastica. Ma soprattutto non se la sente di partecipare ad una competizione in cui sarà presente un ginnasta russo. I lutti, le distruzioni, le violenze che sta subendo il suo popolo gli rendono insopportabile l’idea di incontrare
sul campo di gara un rappresentante della nazione responsabile di tutto questo, specie dopo quello che è successo sul podio della coppa del mondo di Doha dove il russo Kuliak si macchiò di quell’inqualificabile gesto che tutti ricordano e per il quale è stato giustamente sanzionato proprio in questi giorni dalla Federazione Internazionale. La Palestra Ginnastica Ferrara, che da più di un mese ospita la nazionale ucraina maschile, è vicina al suo
ginnasta, alla sua allenatrice ed a tutto lo staff che vive e si allena a Ferrara fianco a fianco tutti i giorni con i suoi ginnasti. La società ha deciso di essere regolarmente in gara a Napoli, ma rispetta la decisione di Illia e ne condivide le motivazioni. In segno di solidarietà non lo sostituirà con un altro ginnasta all’attrezzo (le parallele) che lo ha visto primeggiare nelle 4 prove di Coppa del Mondo disputate quest’anno e nelle 2 di Regular season della serie A1 e che sicuramente lo avrebbe visto protagonista assoluto anche in final six. I ragazzi della squadra saliranno a tutti gli altri attrezzi e gareggeranno anche per lui e per i loro amici ucraini, anche se questa volta il risultato finale sarà davvero la cosa meno importante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.