PGF: sabato a Napoli con Kovton

Il campione ucraino presente nella terza prova del Campionato di Serie A

Ci sarà anche Illia Kovtun in pedana per la Palestra Ginnastica Ferrara nella terza prova del Campionato Nazionale di Serie A1 in programma a Napoli sabato 23 aprile, gara che chiuderà la Regular season 2022.
Il campione ucraino, assente in gara 2 per motivi legati al tremendo conflitto che sta colpendo il suo paese, si sta allenando dal 7 aprile al Palagym “Orlando Polmonari” insieme ad altri ginnasti connazionali ospiti della storica società sportiva ferrarese che, oltre loro, accoglie e sostiene anche tecnici e familiari provenienti dall’Ucraina in un progetto che cerca soprattutto di ridare serenità a queste persone che non tornano nel proprio paese e non vedono i propri cari dal 22 febbraio.
Proprio Kovtun parla dell’attuale situazione: “Cerchiamo di sentirci tutti i giorni con i nostri familiari e di tranquillizzarci a vicenda nei limiti del possibile; qui a Ferrara stiamo benissimo e dobbiamo ringraziare la PGF per tutto quello che stanno facendo per noi anche se ci mancano casa nostra e le nostre abitudini. In questo momento allenarmi mi permette di pensare ad altro e di concentrarmi sugli esercizi; lo sport deve dare un messaggio di pace ed unione e ricordare al mondo che l’Ucraina non è solo un paese in guerra”.
I tecnici Claudio Pasquali, Emanuele Menegozzo e Loriana Ferrari, accompagnati dall’allenatrice di Kovtun Iryna Nadiuk, potranno dunque contare sul talento di Cherkasy per centrare l’obiettivo salvezza nella massima serie di ginnastica artistica maschile, dopo l’eccezionale quinto posto della prima prova e dal decimo nella seconda, dovuto soprattutto all’assenza di Illia.
Le sorti della gara dipenderanno molto anche dai ginnasti di casa come Steven Matteo, Andrea Passini, Emiliano Landi, Nico Olivieri, Pietro Miserti, Lorenzo Dalla Valle, Tommaso Bertarelli e dall’italo svizzero Luca Bottarelli.
Claudio Pasquali sulla gara decisiva: “La presenza di Illia ci fornisce una sicurezza maggiore anche se il ragazzo ha dovuto vivere alcune settimane in esilio ed ora è un po’ stanco. Anche Steven Matteo ha avuto un problema fisico che lo ha rallentato ma i ragazzi sono determinatissimi per centrare la salvezza in un’annata molto difficile ed in un campionato che vede tutte le squadre molto vicine in classifica”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.